Come fare l’ estratto di vaniglia

L’ estratto di vaniglia è una preparazione dolce molto usata in in cucina e soprattutto in pasticceria. In commercio per aromatizzare i nostri dolci possiamo trovare le bustine di vanillina o le fialette di vaniglia, queste però se è vero che sono molto pratiche è anche vero che sono molto pratiche, è anche vero che costano molto per un quantitativo davvero irrisorio. In molti forse non sanno che procurandosi delle bacche di vaniglia intere, di buona qualità, possono prepararsi in casa questo profumatissimo aroma. Se anche voi quindi avete voglia di cimentarvi, vediamo insieme come fare l’ estratto di vaniglia:

per ottenere circa 400 ml di estratto di vaniglia, dovrete procurarvi 100 gr di acqua, 100 gr di zucchero, 200 ml di alcol e 16 bacche di vaniglia.

Dopo esservi procurati tutti gli ingredienti cominciate pure la preparazione del vostro estratto disponendo all’ interno di un pentolino dal fondo spesso il vostro quantitativo di zucchero e di acqua e portatelo sul fuoco, potrete spegnere quando lo zucchero si sarà completamente sciolto ed avrete ottenuto uno sciroppo, che lascerete raffreddare. Quando lo sciroppo sarà completamente freddo, unitevi il quantitativo di alcol e mescolate. Nel frattempo disponete su di un tagliere i baccelli di vaniglia ed incideteli a metà e prelevate la parte interna del baccello aiutandovi con il coltello e raccogliete questa polpa, poi anche i baccelli vuoti dovranno essere sminuzzati. A questo punto prendete un vasetto per conserve dotato di chiusura ermetica e trasferite al suo interno la vaniglia sminuzzata, quindi versatevi anche il preparato di alcol e chiudete il contenitore. Rivestite il contenitore con della carta d’ alluminio e trasferitelo in dispensa per almeno 3 mesi, in questo lasso di tempo lascerete macerare la vaniglia ed avrete cura di agitare il contenitore una volta al giorno per due settimane e poi una sola volta a settimana per il resto dei 3 mesi.