Come fare la farina di castagne


Quella di castagne è una farina molto buona utilizzate in molte preparazioni e sempre più “famosa”. Il perché? Scopriamolo insieme, ovviamente andando anche a vedere come prepararla.

L’importanza della farina di castagne
La farina di castagne, che si presenta con un colore ambrato, è un prodotto ottenuto dalla macinazione delle castagne essiccate. Essendo priva di glutine, è indicata nella preparazione delle ricette per chi soffre di celiachia. Inoltre è possibile tanto farcele in casa tanto acquistarle in qualsiasi supermercato sul nostro territorio senza spendere cifre da capogiro. È consigliabile, ovviamente, farsela da sé, specie se avete fatto un bel raccolto di castagne fresche.

Il procedimento per fare la farina di castagne
Ed eccoci arrivare alla preparazione della farina! Prima di tutto scegliete con cura le castagne: scartate quelle macchiate o non proprio perfette, scegliendo solo quelle sane. Fate quindi un’incisione sulle castagne e cuocetele per circa quaranta minuti in acqua bollente. Finita la cottura scolatele e, ancora non asciutte, toglietene la buccia e raccogliete la polpa. A questo punto infornatele su una teglia ricoperta con carta-forno per un’ora a 160°, in modo da farle diventare belle croccanti. Ultimata la cottura, inseritele nel vostro frullatore o mixer e avviatelo, finché delle castagne non rimarrà che, appunto, la farina.

Cosa preparare con la farina di castagne
La farina di castagne, come accennato prima, si presta a diverse preparazioni, soprattutto di natura dolciaria. Fra tutte spicca sicuramente il famoso dolce toscano chiamato “castagnaccio”: essenzialmente è una torta a base di farina di castagne in cui vengono aggiunti ingredienti diversi a seconda della zona in cui la si sta consumando. Oltre al castagnaccio, è possibile preparare con la farina di castagne dei buonissimi bon bon arricchiti con nutella oppure dare un tocco di originalità ai vostri pancake utilizzando appunto la farina di castagne al posto di quella bianca.