come fare la marmellata di mandarino

La marmellata  di mandarino è una fresca variante di gusto delle tante marmellate che  possiamo trovare in vendita nei  supermercati già pronte  all’ uso, o che  possiamo preparare in casa. La confettura come  saprete  è una delle ricette più amate  e preparate  in tutto il mondo,  che possono essere accostate ai  dolci, come  accade più  spesso ( crostate, torte, plumcake, muffin etc..) o anche  ai formaggi o altri ingredienti salati. Chiaramente  se cercate bene tra gli scaffali dei  supermercati più forniti potrete sicuramente trovarla, ma  essendo un gusto un pò più particolare ed insolito, forse è meglio prepararsela  direttamente in casa, del resto è estremamente facile. Scopriamo insieme allora  come fare la marmellata di mandarino:

 

per prima cosa procuratevi tutto l’ occorrente, vale a dire   1 kg. di mandarini, possibilmente non trattati, 700 g. di zucchero e dei vasetti per conserve con chiusura ermetica.

Cominciate  allora a  preparare la vostra marmellata  lavando e sfregando con cura la  superficie dei vostri mandarini, aiutandovi con una spazzola,  quindi tagliateli a fettine sottilissime poggiandoli su di un tagliere, aiutandovi magari con un pelapatate.

Trasferite le fettine di mandarino in una ciotola e  ricopriteli interamente con dell’ acqua e lasciateli in ammollo per un paio d’ ore, trascorse le quali, scolate le  fettine di mandarino e trasferitele in una pentola dai bordi alti e ricoprite nuovamente d’ acqua e portate sul fuoco.

Fate cuocere per circa 5 minuti dopo l’ ebollizione, a questo punto gettate via parte dell’ acqua, unite anche lo zucchero, mescolate e fate cuocere per un’ altra mezzora.

A questo punto  verificate  se la consistenza è  di vostro gradimento versando una piccola quantità di marmellata  in un piatto, quando si intiepidisce  inclinate il piatto e controllate che non coli via, in caso contrario non è ancora pronta.  Ora se preferite, frullate la  marmellata  di mandarini  e versate nei vasetti sterili ancora calda.