come fare la marmellata di pesche

La marmellata è una delle preparazioni dolciarie più  amate in pasticceria, si tratta infatti di un classico della cucina, preparato fin dall’ antichità. Oggi, seppur la marmellata si rende ancora protagonista di dolci, torte, biscotti, dessert o viene semplicemente spalmata sulle fette biscottate per la colazione, si è tuttavia persa la tradizione di preparare in casa le  conserve e si preferisce acquistare delle marmellate già pronte in barattolo,  realizzate  a livello industriale e che chiaramente non saranno mai buone e sane come  quelle preparate in casa propria. Se desiderate allora cimentarvi e riscoprire questa tradizione, vediamo insieme  come fare la marmellata di pesche:

per prima cosa procuratevi l’ occorrente, vale  a dire  mezzo kg. di albicocche, 200 g. di zucchero, 1 limone e dei vasetti per conserve con chiusura ermetica.  Cominciate quindi  la preparazione della vostra marmellata pulendo le pesche,  sbucciatele ed eliminate in nocciolo, poi tagliatele a pezzi. Ora in una pentola dai bordi alti mettete le pesche  a pezzi e ricopritele con lo zucchero,coprite con il coperchio e lasciate a riposo tutta la notte. L’ indomani portate la pentola sul fuoco fino ad ebollizione e lasciate cuocere per una quarantina di minuti, eliminando di tanto in tanto la schiuma prodotta. Per esser certi che sia pronta, versatene una piccola quantità su un piattino e lasciate raffreddare un pochino, poi inclinatelo e se la marmellata cola via allora  che non è pronta, se non cola, viceversa è pronta. Procedete  sterilizzando i vasetti  e quando la marmellata bolle ancora aggiungeteci il succo del  limone premuto e filtrato, mescolate e versate nei vasetti. Abbiate l’ accortezza di lasciare un cm. di margine libero dal bordo e poi capovolgeteli dopo aver tappato, in questo modo infatti sterilizzerete anche il tappo. Si ricorda di consumare la marmellata di pesche fatta in casa entro un anno dalla preparazione ed entro una settimana al massimo dopo aver aperto il barattolo, il quale dovrà comunque essere conservato in frigo dopo l’ apertura.