come fare la marmellata di visciole

Le visciole  sono delle  ciliegie  selvatiche, dal colore rosso  accesso ed il retrogusto  aspro, molto  amate in cucina, soprattutto per la preparazione  di marmellate, liquori  e canditi. In questa occasione, ci  soffermeremo proprio sulla preparazione   della marmellata,  fatta  con questi frutti  ricchi  di vitamina C, antiossidanti, flavonoidi, polifenoli  e  fibra. Insomma un elisir  di giovinezza in barattolo! La  marmellata  di visciole,   fatta in casa, vi permette di disporre tutto l’  anno di questa confettura, in modo tale  da poterla  utilizzare per farcire una torta, dei biscotti , o  semplicemente spalmandola  sulle  fette biscottate a  colazione. Vista  allora la bontà del frutto  e le proprietà benefiche per l’ organismo, vediamo insieme  come  fare la marmellata  di visciole:

per prima cosa dovrete procurarvi  tutto il necessario per la vostra confettura alle  visciole,  vale  a  dire  1 kg. di visciole, mezzo chilo di zucchero, 1 limone e dei vasetti per conserve dotati di chiusura ermetica.

Dopo aver preparato tutto, cominciate a  lavare con cura le vostre visciole, asciugatele, denocciolatele, tagliatele   a metà e quindi versatele  in una pentola dai bordi alti  e ricopritele con il quantitativo di zucchero previsto. Chiudete la pentola con il coperchio  e lasciate a macerare le visciole con lo zucchero per circa un’ ora. Trascorso il tempo utile trasferite la pentola sul fuoco e  fate cuocere il tutto  per  circa  un’ ora dall’ ebollizione. Di tanto in tanto togliete  la schiuma, con l’ aiuto di una schiumarola. Quando la  marmellata sarà cotta <8ve ne  accorgerete  dalla densità giusta), aggiungete il succo di limone filtrato e mescolate, quindi  sterilizzate i vasetti e versatevi la  marmellata dentro  lasciando  un cm. vuoto dal bordo, poi tappate e capovolgete il vasetto. La marmellata si conserva per un anno, mentre dall’ apertura, per un a quindicina di giorni, se tenuta in frigo.