Come fare la pasta sfoglia

 

La pasta sfoglia una volta cotta si presenta come una pasta molto friabile, costituita da più strati sovrapposti.

Essa è costituita da burro, farina, acqua e sale  e si presta ad innumerevoli e gustose preparazioni.

In commercio è possibile trovare dei rotoli di pasta sfoglia già pronti all’uso, molto pratici, ma se  ne  avete voglia è possibile cimentarsi nella sua preparazione  anche in casa.

Seguendo la breve guida che ne segue finalmente saprete come fare la pasta sfoglia:

  • per fare 1/2 kg. di pasta sfoglia, su di un piano versate, creando una fontana 200 g. di farina, un pizzico di sale e 1/2 bicchiere di  acqua fredda
  • impastate questi ingredienti fino  ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo
  • praticate dei tagli  a forma di croce sull’impasto, adagiatevi sopra un canovaccio pulito e lasciate riposare per 20 minuti
  • Ora stendete la pasta con l’aiuo di un  matterello e ricavatene un quadrato alto 5 mm.
  • Al centro adagiateci 200 g. di burro e richiudete con i lembi del quadrato di pasta
  • passateci il matterello nuovamente sopra, richiudete nella carta stagnola e lasciate riposare in frigo per 5 minuti
  • Trascorso il tempo utile, tirate fuori dal frigo e sulla spianatoia fate scorrere il matterello in avanti fino  ad ottenere un rettangolo
  • ripiegate i 2 lati più corti verso il centro e piegate la pasta  a metà nello stesso verso ed otterrete una pasta piegata 4 volte
  • A questo punto girate il panetto e ripetete gli stessi passaggi
  • Riavvolgete nella stagnola e lasciate riposare in frigo per 30 minuti
  • Tirate fuori e ripete il tutto per altre 2 volte
  • Lasciate in frigo per 2-3 giorni e  quando dovrete utilizzarla stendetela  ancora un pò sulla  spianatoia infarinata
  • Potete anche congelarla se occorre ma ricordatevi che prima di utilizzarla dovrà passare  almeno una notte in frigo
  • Quando infine dovrete cucinarla, ricordatevi di non ungere le teglie ( la pasta sfoglia è già molto grassa) ma  spennellarle con acqua