Come fare la pizza senza glutine

La pizza è un prodotto molto semplice, in quanto prevede ingredienti genuini e poveri come la farina, il sale, l’acqua e il lievito, eppure è riuscita a diventare negli anni una delle pietanze più famose al mondo. Purtroppo  chi soffre di celiachia, non può mangiare la pizza tradizionale, ragion per cui molto  spesso si  sente costretto a  rinunciarci,l in realtà, utilizzando le  farine  adatte, potremo ottenere una pizza  senza glutine, comunque molto  saporita. Se desiderate prepararla in casa allora, vediamo insieme come fare la pizza senza glutine:

 

per cercare di fare una buona pizza, bisogna prestare molta attenzione alla scelta degli ingredienti e porre cura anche al procedimento e alla preparazione. Per prima  cosa dobbiamo  scegliere tra le farine  a  disposizione per celiaci ( carrube, sorgo, riso, ceci, lupini, teff, quinoa, canapa, vinaccioli, chia, fagioli, fave, castagne, grano saraceno mais, mais, midollo di palma, miglio, patate, riso, soia, tapioca), o decidere se utilizzare dei mix di farine  ad hoc.

Si pensa che fare l’impasto della pizza sia semplice; basta mischiare farina, acqua, sale e lievito, lavorare un po’ l’impasto, lasciar riposare e il gioco è fatto! In realtà il gioco non è così semplice, visto che bisogna porre una grande attenzione alle dosi degli ingredienti, alla lavorazione e al modo in cui la pizza viene lasciata riposare. Per ottenere un impasto dal buon composto, dovete, una volta impastati tutti gli ingredienti, lasciar riposare e far crescere l’impasto almeno per un paio di ore, ricordandovi di coprire il vostro “panetto” con un panno umido così che durante la lievitazione la superficie dell’impasto non si indurisca.

Dopo che il vostro impasto sarà ben lievitato, passate a dividerlo in due panetti da 180/250 grammi, lasciando poi lievitare il tutto per almeno altre sei ore. Poi lavorate gli immpasti dando la classica forma della pizza, poi farcite come preferite, stando sempre attenti  ad utilizzare prodotti senza glutine e passate alla fase della cottura. Di regola per avere una pizza perfettamente cotta, dovreste avere a disposizione un forno a legna che è ideale per la cottura. Se non lo possedete dovete quindi,  cercare di regolare la cottura tenendo conto della vostra tipologia di forno, in maniera tale da evitare che l’impasto cuocendo diventi troppo duro. Se utilizzate per la cottura un forno elettrico si pone il problema di cercare di limitare quanto più possibile i tempi di cottura; tuttavia i forni elettrici difficilmente scendono, per quanto riguarda i tempi, sotto i 20-25 minuti. Bisogna quindi adottare qualche piccolo stratagemma; ad esempio per abbassare i tempi di cottura con il forno elettrico potete aggiungere nell’ impasto un cucchiaio di zucchero, in maniera tale da mantenere, anche con una cottura più lunga, l’impasto morbido e il cornicione della pizza bello dorato.