come fare le graffe

 Le graffe sono dolcetti fritti ricoperti di zucchero semolato della tradizione napoletana, legata soprattutto al Carnevale, ma come noto, quando un dolce è così buono, molto spesso ce lo si concede anche più spesso, magari farcite con cioccolato o crema pasticcera, per realizzare delle vere e proprie bombe di gusto. Se anche voi avete voglia di preparare queste delizie, vediamo insieme come fare le graffe:

per fare 10 graffe ( o 20 graffette) vi occorrono 250 gr di farina manitoba, un uovo grande, 50 gr di burro, 30 gr di zucchero, mezzo cucchiaino di miele, la buccia grattugiata di mezzo limone, 4 gr di sale, 12 gr di lievito di birra, 60 ml di latte intero e 150 gr di patate farinose.

Con tutti gli ingredienti pronti cominciate pure a preparare le vostre graffe lessando le patate in acqua bollente, poi schiacciatele in un recipiente e lasciate raffreddare. Intanto fate sciogliere metà della quantità di zucchero nel latte sul fuoco e sbriciolate all’ interno il lievito quando si intiepidisce, quindi aggiungete metà della farina e mescolate, poi coprite con la pellicola trasparente e lasciate lievitare per 40 minuti. Intanto aggiungete la restante farina alle patate, lo zucchero, il sale, il battuto d’ uovo, il miele e la buccia di limone e mescolate, quindi unite anche il composto precedente ormai raddoppiato di volume ed unite anche il burro ammorbidito ed impastate a dovere per 10 minuti, quindi coprite e lasciate lievitare ancora per 2 ore, poi riprendete l’ impasto e crete 10 palline, appiattitele e create in foro centrale e lasciate lievitare per un’ altra ora, quindi friggete in abbondante olio di semi e lasciatele gonfiare e dorare per bene, poi adagiatele su carta assorbente, quindi rotolatele in un piatto dove avrete messo dello zucchero semolato e servite calde.