Come fare le unghie a punta

Le unghie a punta sono anche dette a stiletto dal nome di un pugnale dalla lama molto sottile, lunga ed acuminata, che durante il Medioevo quando era popolare come strumento contro i cavalieri pesantemente corazzati perché la sua lama sottile poteva passare agilmente attraverso le maglie della cotta. Pericolose? Beh certamente non sono comode, soprattutto per chi fa lavori manuali.
Prima di continuare a leggere sappiate inoltre che la particolare forma a punta è adatta solo ad unghie molto forti e si può ottenere solo a partire da una discreta lunghezza. In alternativa potrete sempre optare per una ricostruzione in gel o con tips. Dato che l’errore peggiore che possiate commettere è quello di limare l’unghia storta potete aiutarvi con una matita da trucco e tracciate una linea che divida l’unghia in due parti al cui termine avrete il punto esatto in cui terminerà la punta a stiletto. Un segreto per ottenere un ottimo risultato è quello di procedere con pazienza limando in maniera alternata prima un lato e dopo l’altro. Evitate di concentrarvi su un lato per volta perché aumenta il rischio di errori e non rende più rapida la manicure. Lavorate su unghie pulite e prive di ogni residuo di smalto per evitare di rendere ancora più dura l’unghia e quindi più difficile da limare. Infine utilizzate una lima dura ma non quelle da gel per evitare di sottoporre ad uno stress eccessivo l’unghia ed anche per limitare la possibilità di commettere errori irreparabili. Se avete intenzione di limare le vostre unghie a punta potrebbe essere utile fare una cura rinforzante sia
prima che dopo la limatura affinché le vostre unghie durino a lungo evitando che si spezzino. Ricordate che questa forma le rende molto fragili e quindi dovrete farci molta più attenzione. Non impegnarvi troppo con la nail art, la forma già di per sé è molto particolare, basterà stendere dello
smalto del colore che preferite per avere delle mani all’ ultima moda.