Come fare un giardino

Per fare un giardino, bisogna essere a conoscenza di diversi aspetti prima di iniziare a seminare fiori e alberi da frutto. Quali? Vediamoli insieme.

Come fare un giardino: conoscere i propri limiti

Ancora prima di pensare al dove creare il giardino, è bene sapere il perché farne uno.

Per quale scopo si intende creare un angolo verde?

Deve essere funzionale, in modo da produrre frutta e verdura? Oppure è meglio un giardino ornamentale, per esaltare la bellezza della casa?

In un orto si potranno piantare peperoni, pomodori, cavoli, lattuga, patate, zucche, carote e tanti altri ortaggi. Un giardino di piante aromatiche spesso unisce la funzionalità dell’orto alla bellezza del giardino classico, difatti contiene piante dalle magnifiche fioriture che servono anche per arricchire le pietanze di casa con sapori particolari, dal rosmarino al il timo, dalla salvia all’aneto e via dicendo.

Fare un giardino dal nulla richiede la conoscenza di alcuni concetti chiave che ne determineranno il successo o l’insuccesso. Innanzitutto, per fare un buon giardino, è necessario individuare il punto dove sorgerà.

La posizione dovrà essere sia funzionale allo scopo, sia adatta ai requisiti di coltivazione. La maggior parte delle piante richiedono un suolo ricco e ben drenato, dunque vanno evitati i punti in cui ci sono ristagni d’acqua dopo la pioggia.

Ancora, evitate punti in cui ci sia l’ombra di alberi o edifici, in quanto la maggior parte degli ortaggi cresce meglio in pieno sole. I fiori invece sono più versatili.

Va considerato lo spazio di cui ogni pianta ha bisogno, dal momento in cui viene interrata fino a quando si sarà completamente sviluppata.

Vediamo ora come procedere. Innanzitutto bisogna procurarsi del materiale.

Per fare un giardino occorreranno semi e piantine da interrare, terriccio, concime, pacciame o compost e diversi attrezzi come un dissodatore, un rastrello, una pale, un pompa da giardino, del guanti e via dicendo.

Un negozio specializzato in giardinaggio potrà fornirvi tutto l’occorrente per iniziare.

Per prima cosa, va dissodato il terreno con un dissodatore o un rastrello, lavorando la terra fino a una profondità di 30 centimetri e rompendo le zolle più grandi.

Eliminate le pietre, le radici e gli altri oggetti che trovi, poi passate a concimrea il terreno per prepararlo per la semina. Interrate i semi e le piantine nelle buche che avrete scavato con la pala.

Ricoprite con il terreno assestandolo e aggiungete concicme, compost, pacciame e altro terreno, finendo con l’innaffiare.