Come fare una crema viso

Idratare la pelle è fondamentale al fine di mantenere il giusto equilibrio dell’ epidermide ed affinchè questa resti morbida, elastica e giovane a lungo.

Nella grande distribuzione è possibile trovare una quantità pressochè infinita di creme, distinte tra viso e corpo, giorno e notte e tipologia, vi sono creme rassodanti, antirughe, anticellulite, contro l’incecchiamento ecc.. e divise  per tipologia di pelle, grassa, mista, secca, ecc..

In pratica può rivelarsi molto difficile la scelta quando magari all’interno di questi flaconi tutto sommato troviamo gli stessi ingredienti. Spesso si tratta di trovate di marketing, ma la sostanza non cambia, anzi spesso sono contenute sostanze dannose ed allergizzanti, acquistate anche, molto spesso, a caro prezzo. Vi suggeriamo quindi come fare una crema idratante:

 

  • Cominciate con la scelta del contenitore dove conserverete la  vostra crema. Potete riciclare il contenitore di una vecchia crema ad esempio, oppure utilizzare un barattolino di vetro da cucina. Sia che sia esso di vetro o di plastica dovrete sterilizzarlo. Se è di vetro fatelo bollire per 5 minuti in acqua bollente, se è di plastica, lavatelo con acqua e sapone e passateci dentro un fazzoletto imbevuto di alcool  a 95°.
  • In una pentola d’acciaio versate 200 ml di olio di mandorle dolci, 40 ml. di olio di jojoba, 50 gr. di cera d’api e 50 gr. di burro di karitè. Ponete sul fuoco  a fiamma bassissima, gli ingredienti non dovranno infatti bollire, ma semplicemente sciogliersi ed amalgamarsi.
  • Togliete la pentola dal fuoco ed aggiungete due cucchiaini di olio di calendula ed uno di camomilla e mescolate bene. Se ne disponete, per far conservare più  a lungo la vostra crema aggiungete un grammo di tocoferolo ( vitamina e).
  • Versate il composto nel barattolino che  avete sterilizzato in precedenza e riponete in frigorifero.
  • La vostra crema fai da te, completamente naturale e priva di conservanti, adatta sia  per il viso che per il corpo, si conserverà per una settimana abbondante, soprattutto se avrete l’accortenza di non farci finire all’interno dell’acqua e se preleverete la quantità di prodotto che vi occorre con una spatolina sterile e non direttamente con le dita.