Come fare una treccia laterale

Diciamoci la verità, la treccia è la soluzione ideale per quelle donne che, tra un impegno e l’altro, non hanno avuto il tempo di fare l’ennesimo shampoo. Anzi, con i capelli un po’ induriti è anche più semplice ottenere una treccia come si deve. Ma non è detto che bisogna arrivare davanti allo specchio all’ultimo momento, capire che c’è poco o nulla da fare, e intrecciarsi i capelli alla bell’e meglio. Ecco alcuni trucchi per ottenere una treccia che cada morbida da un lato, esaltando così il vostro viso.

Pettinare i capelli avendo cura di sciogliere ogni possibile nodo senza però spezzarli, altrimenti l’acconciatura avrà un aspetto elettrizzato. Potete scegliere se tracciare una riga di lato o raccoglierli uniformemente dietro la nuca. A questo punto, con il capo leggermente piegato dal lato su cui avete deciso di far cadere la treccia, dividete i capelli in tre distinte ciocche, più o meno dello stesso spessore, e iniziate ad intrecciarle facendo passare le ciocche laterali, una alla volta, su quella centrale, partendo dall’alto e procedendo verso il basso, fino ad arrivare alle punte.

Per ottenere stili differenti, da quello un po’ più urbano (fintamente trasandato, per intenderci) a quello più classico ed elegante, potete decidere di realizzare una treccia più o meno alta, partendo rispettivamente dalla nuca o da dietro l’orecchio opposto al verso della treccia.

Ma sono tantissime le varianti che si possono apportare a questo tipo di acconciatura, davvero in pochissimi minuti. Sempre per rimanere tra i due diversi stili, potreste lasciare uscire qualche ciocca, come se “distrattamente” via sia finita sul viso. Oppure, fissare il tutto con della lacca, soluzione ideale per non avere fastidi mentre fate un lavoro. E se proprio, per quanti sforzi facciate, la vostra treccia laterale non ha l’aspetto desiderato, potrete raccoglierla sul collo e fermarla con una forcina in un chignon, sempre a metà strada tra semplicità ed eleganza.