Come garantire il pagamento dell’affitto

Con la crisi economica sempre meno persone hanno la possibilità di fare investimenti duraturi nel tempo come l’acquisto di una casa ed è per questo che sempre più coppie e neo sposi decidono di prendere casa in affitto. Anche per questa opzione però le cose non sono semplici perché i cambiamenti dei contratti lavorativi, sempre meno solidi e più precari, non forniscono una garanzia sufficiente per il proprietario di casa. La legge, come giusto che sia, garantisce maggiormente l’affittuario rispetto al proprietario che deve per tale ragione fare ben attenzione a chi affida la casa cercando di raccogliere quante più garanzie è possibile.
Certamente, e soprattutto per i meno esperti, rivolgersi ad un’agenzia immobiliare che si occupi dell’intermediazione è già un ottimo inizio. L’agenzia infatti sulla base delle sue esperienze e competenze può aiutare sia il proprietario che l’affittuario a trovare un accorto che li tuteli entrambi.
Di particolare importanza anche la stipula del contratto di affitto al quale possono essere aggiunte, al momento della stipula, particolari clausole che possono tutelare il proprietario che attraverso il suo avvocato può chiedere informazioni sulla situazione economica del futuro locatario.
L’ultima forma di garanzia, richiesta ormai dalla maggioranza dei contratti di locazione, è quella della  fideiussione bancaria. Si tratta di un accordo, rinnovabile di anno in anno, tra l’inquilino e la banca a favore del proprietario. La suddetta banca si impegna a versare il canone d’affitto al posto dell’affittuario qualora questi non lo corrisponda oppure per qualsiasi ragione non raggiunga la cifra per pagarlo. Il futuro inquilino infatti, vincola presso la banca con la quale sta stipulando il contratto di fideiussione la somma equivalente al canone di locazione di un anno. In altre parole è come se il futuro inquilino prendesse in prestito dalla banca tale cifra e ogni mese la corrispondesse con un costo di commissione fissa. Altre garanzie meno impegnative sono gli anticipi sui canoni mensili o la stipula di un’assicurazione.