Come giocare a sudoku

A dispetto del nome, non dovrete risolvere un antico rompicapo orientale. Il sudoku nasce negli Stati Uniti verso la fine degli anni ’70 e arriva in Giappone soltanto durante la decade successiva, per poi diffondersi in tutta Europa agli inizi del 2000.

Prende spunto da i quadrati di Eulero e infatti si presenta come una griglia di nove righe per nove colonne, ognuna delle quali contiene una serie di numeri, compresi tra 1 e 9. Ma a differenza del suo antenato greco-latino, il gioco del sudoku prevede che uno stesso numero non possa ripetersi all’interno di una stessa colonna, riga o delle sottosezioni costituite da quadrati di 3×3.

La difficoltà nel completare lo schema dipende dalla quantità dei numeri già presenti all’interno. Essendo un gioco prettamente di logica, il sistema migliore per cominciare a risolvere un sudoku, è affidarsi al colpo d’occhio, partendo dalle zone in cui si trovano più numeri, dove risulterà più semplice individuare le soluzioni obbligate, ossia, quei numeri che sulla base della regola riportata, non posso che occupare quella specifica casella, escludendo tutte le altre.

A mano a mano che si riempiranno gli spazi vuoti diventerà più semplice inserire i successivi numeri mancanti. Se all’interno di una stessa casella risulta, invece, possibile inserire uno o più numeri, il consiglio è di munirsi di matita per trascrivere le varie combinazioni. Molto spesso, infatti, capita di piazzare un numero e proseguire nel gioco, fin quasi alla a fine, salvo poi scoprire di aver sbagliato tutte le sequenze ed essere rimasti con un numero mancante. Al contrario, avendole tutte davanti si potrà procedere per esclusione. Chiedetevi qual è l’unico numero che è possibile inserire, basandosi su quelli presenti (o candidati ad apparire) sulla stessa riga, colonna o quadrante?

Sembra un ragionamento semplice, ed in effetti lo è, visto che le soluzioni del sudoku sono univoche, ma ha portato molte persone a sviluppare una vera e propria mania per questo gioco, che nella pratica richede molta più applicazione di quanto possa sembrare.