Come gratinare

Gratinare è una delle principali operazione che si svolgono in cucina, al fine di dare una certa croccantezza ai nostri piatti. Pensate alla pasta al forno ad esempio, alla parmigiana di melanzane o anche delle semplici patate al forno. La gratinatura generalmente si ottiene mediante l’uso del grill, una particolare funzione del forno che attraverso una resistenza situata nella parte alta del forno, consente di raggiungere una temperatura molto elevata. In genere si procede con la gratinatura giusto per 5 minuti a fine cottura, ma in alcuni casi, si può effettuare anche contestualmente alla cottura. Se anche voi allora non potete fare a meno di questo tocco di golosità in più, vediamo insieme come gratinare:

 

per ottenere la fantastica crosticina croccante che tutti adoriamo, a seconda della ricetta, ricoprire la pietanza in questione con un’ abbondante manciata di pangrattato e/o formaggio grattugiato, se preferite e non badate troppo alla dieta, potreste aggiungere anche dei ricciolini di burro. In alternativa, anche l’ aggiunta di tuorlo d’ uovo contribuisce notevolmente alla formazione della gratinatura. Se la vostra pietanza è concepita in bianco, allora la besciamella sarà perfetta, poi se aggiungiamo anche del tuorlo d’uovo sbattuto, dell’ olio o del burro, otterrete una gratinatura davvero perfetta. Se la ricetta che state seguendo non dovesse indicare con precisione i tempi di cottura, cercate di regolarvi in modo tale da non azionare il grill troppo presto, per non bruciare la pietanza,  nè troppo tardi, per non rischiare di seccare troppo la portata; l’ ideale è far partire la gratinatura gli ultimi 5 minuti dalla fine della cottura. Se avete paura di bruciare la pietanza, per sicurezza, ed anche per garantirvi una gratinatura omogenea, potreste, coprire la vostra pirofila con un foglio di carta d’ alluminio a fine cottura.