Come imparare a suonare il violino

La passione per la musica è una cosa che ti accompagna tutta la vita ed anche se non si è in tempo o non si ha intenzione di farla diventare un mestiere sarà un hobbie piacevole che renderà dolci anche i momenti più difficili. Il violino poi, è uno strumento elegante, piacevole, rasserenante, di certo non vi pentirete mai degli sforzi che avrete dovuto fare per imparare a suonarlo.

La prima cosa a apprendere quando si vuole imparare a suonare il violino, così come per altri strumenti, è la postura corretta. Seduti o in piedi, schiena bella dritta, spalle basse e braccia leggermente allargate. Prendete il violino con la mano sinistra, portatelo vicino al collo, appoggiarlo sulla clavicola e stabilizzarlo avvicinando la guancia nell’apposito spazio.

Tratte lo strumento con eleganza e delicatezza.

Dopo aver preso dimestichezza nel maneggiare lo strumento, passate alla teoria. Dovrete conoscere ogni singola nota del violino, conoscere il valore delle figure, le pause corrispondenti, il nome delle note, le chiavi. Questa è la parte che richiede maggiore dedizione, studio e concentrazione. Dovrete esercitarvi spesso almeno mezz’ora al giorno, tutti i giorni. Solo conoscendo le potenzialità dello strumento avrà senso allenarvi affinché i suoni escano puliti, melodiosi così come devono essere.

Per cominciare imparate solo a muovere l’arco sullo strumento, imparate a dosare la pressione che dovrete esercitare sulle corde. Vi accorgerete subito del cambiamento del suono già solo inclinando l’arco verso il riccio piuttosto che tenendolo dritto parallelo al ponte.

Esercitati dapprima suonando le corde in posizione aperta cioè semplicemente le corde suonate senza posizionare le dita. Questo ti permetterà di prendere dimestichezza con lo strumento, l’obiettivo sarà quello di riuscire a suonare una corda per volta senza toccare le altre. Solo dopo aver ottenuto questo risultato sarà possibile esercitarsi a fare le note, quindi usando anche le dita.