Come leggere le caratteristiche e sigle degli pneumatici

Gli pneumatici sono una delle parti più importanti dell’auto: non solo bisogna tenerli sempre sotto controllo, ma è bene scegliere marchi affidabili che garantiscano sicurezza e qualità, anche a costo di spendere un po’ di più. Per acquistare il prodotto giusto per la nostra auto,però, dobbiamo conoscere bene le caratteristiche dei pneumatici: a questo proposito, ci viene incontro Euroimport Pneumatici che ci spiega per bene come interpretare le sigle presenti sullo pneumatico.

Le “misure” dello pneumatico

La prima cosa che balza all’occhio quando si osserva uno pneumatico sono le grandi cifre che compaiono sulla “carcassa”: per esempio, 195/55 R16 o 185/70 R15. Il primo numero indica la larghezza nominale della sezione del pneumatico, espressa in millimetri. La seconda cifra indica la distanza dalla base del cerchio a terra espresso in percentuale rispetto all’altezza.
La lettera 
R indica che la struttura della gomma è radiale, ovvero con le tele montate ad anello: in genere, si tratta di pneumatici più affidabili rispetto ai convenzionali perché sono meno deformabili. Attenzione: se nella carta di circolazione c’è la lettera R, è obbligatorio montare questo tipo di gomme.
Infine, l’ultimo numero indica il 
diametro dello pneumatico in pollici.

Indice di carico e indice di velocità: che significano?

L’indice di carico viene subito  dopo l’indicazione del diametro e indica il carico massimo che la gomma è in grado di sopportare a una determinata pressione: il doppio del numero che contraddistingue l’indice di carico è il limite massimo di carico. Bisogna prestare attenzione a evitare sovraccarichi per non compromettere la stabilità durante la marcia.
L’indice di velocità si trova a fianco all’indice di carico e specifica la velocità massima per la quale lo pneumatico è stato omologato. È caldamente consigliato non superare la velocità indicata: la sicurezza, su strada, viene prima di qualunque altro fattore.

M+S? La gomma è invernale e per terreni fangosi e scivolosi

Se sul pneumatico è presente la sigla M+S, significa che è invernale. Di solito, questo tipo di gomme è adatto alle temperatura al di sotto dei 7° e sono obbligatorie durante la stagione fredda, ma non in tutte le regioni. Attenzione: in caso di inadempimento all’obbligo il rischio di multe è dietro l’angolo.
Ricordiamo che montare il pneumatico giusto per ogni stagione va a vantaggio della sicurezza.

Tubeless: niente camera d’aria

La dicitura tubeless indica che lo pneumatico è senza camera d’aria: i vantaggi di questa tecnologia stanno nel minor attrito e maggiore sicurezza nel caso di una piccola foratura, perché si sgonfiano più lentamente. Alcuni pneumatici hanno all’interno uno strato di materiale autosigillante, che “avvolge” l’oggetto perforante chiudendo il foro senza perdite di pressione.

Altre indicazioni a cui prestare attenzione

La freccia sulla carcassa del pneumatico indica il senso di direzione obbligato: ogni volta che portiamo l’auto dal gommista per cambiare le gomme, accertiamoci che questa indicazione sia rispettata.
Alcune 
sigle specificano l’omologazione per determinate case automobilistiche: per esempio, AZ per Fiat, Alfa, Subaru e Toyota, AO per Audi, DZ Honda, Madza e Toyota.

E ancora: FB significa che è presente il sistema di protezione dei cerchi in lega, mentre Run Flat indica che le gomme sono indicate anche per viaggiare quando sono a terra. XL è la sigla che identifica pneumatici superiori con indice di carico rinforzato.
Infine, la sigla 
DOT (Department of transportation) denota lo stabilimento di costruzione (le prime due lettere), il codice di dimensione, poi la settimana e l’anno di produzione. Dopo il codice di dimensione può essere presente un codice opzionale.