Come migliorare la coordinazione

Le capacità coordinative costituiscono un insieme molto complesso per la regolazione ed il controllo dei movimenti in termini di armonia, economia ed efficienza. Esse fanno parte delle capacità motorie e determinano la coordinazione dei nostri movimenti, li organizzano e li regolano. Ciò comporta innanzitutto sia un’ organizzazione inter-muscolare, cioè a dire l’entrata in gioco in successione nella sequenza dei singoli muscoli, che una organizzazione intra-muscolare, dunque il livello ottimale di forza e di tensione di ciascun muscolo. Tutto ciò che riguarda la coordinazione motoria dipende dal funzionamento del sistema nervoso, da tutte le informazioni che gli organi di senso gli inviano e dalla loro corretta combinazione. Quando si gioca o quando si pratica una qualsiasi disciplina sportiva, si mettono in funzione una serie di sistemi e, di conseguenza , vengono chiamate in causa delle capacità speciali, come quella: di equilibrio, di combinazione motoria di differenziazione spazio-temporale, di anticipazione motoria, di fantasia motoria e di coordinamento. Il loro sviluppo carente si ripercuote sul rendimento di gioco al punto da pregiudicare un’eventuale partecipazione ad alcune attività sportive. Per ovviare a tutto ciò , non basta acquisire la tecnica e la tattica di gioco o di una disciplina sportiva, bensì è necessario allenare queste capacità motorie speciali, le quali se sviluppate con regolarità, e con metodo, sin da piccoli, possono portare a dei risultati sorprendenti. Dunque vediamo assieme come migliorare la coordinazione :

bisogna attivare gli schemi motori di base, come: correre, saltare, lanciare, arrampicarsi, strisciare; variare le esperienze motorie in modo polivalente ( accelerare, decelerare, variare i ritmi e cadenze); variare le situazioni, le condizioni ambientali e di riferimento. I compiti devono portare sempre a scelte consapevoli e adeguate allo scopo. Il sistema nervoso, come già accennato, è l’apparato che principalmente sottende a questa capacità, ecco perché l’invecchiamento cerebrale incide parecchio sulla coordinazione al punto da avere difficoltà sempre maggiori, man mano che l’età avanza, a coordinare più movimenti contemporaneamente.