come organizzare un menu settimanale

Organizzare il menu settimanale non significa affatto essere a dieta o mangiare sempre le stesse cose in maniera ripetitiva, ma anzi, significa tenere alla propria alimentazione, pianificarla e variarla, infatti, contrariamente a quando si potrebbe pensare, mettere nero su bianco il proprio menù, significa anche ricordarlo, evitando appunto di mangiare sempre le stesse cose. Uno dei primi principi dell’ alimentazione sana è infatti la diversificazione degli alimenti, è importante infatti mangiare di tutto. Tra le altre cose, organizzare un menù settimanale significa anche bilanciare al meglio la propria dieta, non tralasciando nulla e sapere già in partenza cosa cucinare ed organizzarsi con la spesa. Questo ultimo aspetto è molto importante soprattutto se oltre che della casa, vi occupate anche della famiglia, del lavoro etc.. Vediamo insieme allora come organizzare un menu settimanale:

vi sono alcune regole di base da seguire per la preparazione del menù settimanale, assicuratevi che possa andar bene per tutti i membri della famiglia, che sia salutare, buono di sapore e colorato ( possibilmente con frutta e verdura di stagione). Chiaramente potrete lasciare un giorno libero, per mangiare quel che più vi piace e per organizzare eventuali cene e/o pranzi fuori.

Come accennato, un menu equilibrato deve essere vario, non solo come portate, ma anche nell’ alternanza di ingredienti all’ interno di una stessa gamma. Ad esempio se parliamo di proteine, una volta potremmo fare una fettina di carne, una volta i legumi, una volta la soia etc… per i condimenti scegliete sempre l’ olio extra-vergine di oliva, solo qualche volta sceglietene altri. Per movimentare i vostri piatti potreste anche utilizzare delle spezie. Infine qualche volta cucinate delle porzioni in più in modo da congelarle e consumarle quando avrete qualche imprevisto.