Come progettare un giardino

Se state pensando di progettare un giardino per crearvi il vostro personale angolo di verde, allora la prima cosa che dovete sapere è che i giardini, di qualunque dimensione siano, non si possono improvvisare ma sono sempre il frutto di un’attenta e accurata progettazione oltre che di una precisa valutazione dell’ambiente nel quale dovranno essere realizzati.

I giardini belli hanno, infatti, sempre alla base una scrupolosa progettazione, sono capaci di integrarsi in maniera armonica con il resto del paesaggio e risultano funzionali per coloro che li abitano.

Detto questo, vediamo come progettare un giardino

 

Come progettare un giardino: le prime fasi del progetto

Prima di progettare un giardino e di mettere in atto la sua realizzazione è sempre bene rivolgersi all’Ufficio Tecnico del proprio Comune di residenza al fine di ottenere tutte le informazioni necessarie relative alle norme urbanistiche ed edilizie. Oltre ad informarsi su questioni come le aree pavimentate, il numero di alberi da piantare e le recinzioni, presso l’Ufficio Tecnico potrete anche richiedere tutti i permessi necessari per iniziare i lavori, informandovi al contempo sulla vigenza o meno di particolari vincoli ambientali o idrogeologici.

Dopo che avrete espletato a tutti gli oneri burocratici, dovete tracciare una planimetria del vostro giardino, cercando di evidenziare tutti gli elementi che potrebbero condizionarne la forma e le dimensioni. Per questo sulla planimetria riportate tutti gli elementi già esistenti, come la casa, gli alberi, le piante e così via, evidenziando anche l’eventuale presenza di pozzetti, fognature, tubature di gas e cavi elettrici, in modo tale da evitare intoppi o incidenti durante i lavori.

Una volta che avrete messo su carta tutti questi elementi il vostro giardino comincerà a prendere forma; a questo punto dovete prestare molta attenzione alle particolari condizioni climatiche del luogo, in modo tale da sapere in anticipo quali piante è consigliato piantare e quali no.

Ovviamente bisogna prendere in considerazione anche le caratteristiche del terreno; se avete la fortuna di possedere un terreno fertile, allora le vostre piante cresceranno senza problemi, ma se il terreno risulta povero di nutrienti, come prima cosa dovrete intervenire per renderlo più fertile.

Se clima e terreno sono due elementi basilari, lo stesso può dirsi del sole, o meglio dell’esposizione della vostra abitazione al sole; generalmente l’esposizione migliore è quella sud/ovest poiché permette di ottenere il massimo soleggiamento durante tutta la giornata. Il grado di esposizione alla luce influisce molto sulla progettazione del giardino e sulla scelta delle piante e delle essenze che si andranno a installare.

 

Come progettare un giardino: scelta delle piante e della loro collocazione

Una volta che avrete considerato tutti gli elementi ambientali e definita nei dettagli la planimetria del vostro giardino, allora potete passare alla scelta delle piante da installare e all’individuazione della loro collocazione.

La prima cosa da tener presente è che la scelta e la posizione delle piante non può essere determinata solo da un fattore estetico, in quanto esistono delle regole da rispettare; ad esempio gli alberi, ma anche gli arbusti o le piante ornamentali non possono mai essere piantati nei pressi di un pozzetto o di tubature d’acqua, in quanto le radici potrebbero ostruirli.

In più non si deve dimenticare che una corretta distribuzione delle piante può risultare anche vantaggiosa dal punto di vista economico; ad esempio se la vostra casa risulta troppo fredda a causa dei venti, si può proteggere il lato sopravento della casa installando alberi sempreverdi a sua protezione. Come dimenticare poi che gli arbusti e gli alberi a foglie caduche contribuiscono a regolare la temperatura della casa; queste, infatti, in estate proteggono dal calore del sole mantenendo fresca la casa, mentre in inverno i rami spogli non intralciano il passaggio dei raggi solari.

Ricordate che se desiderate installare alberi dal fusto alto è sempre consigliato disporli lontano dall’abitazione, cercando di mantenere sempre una certa distanza di sicurezza. Ai lati del giardino si suggerisce di piantare delle aiuole poiché queste contribuiscono a far sembrare il giardino molto più profondo e lungo; per le aiuole si suggerisce, inoltre, sempre piante come calendula, citronella, gerani, piante che oltre ad essere belle sono anche un ottimo e naturale rimedio contro le zanzare.

Nel progetto del vostro giardino cercate di prevedere sempre la presenza di una capanno per gli attrezzi, certamente utile, così come di una fontana e di un orto che vi consigliamo di posizionare sempre nell’area maggiormente esposta al sole.