Come pulire il camino

Nelle fredde e rigide giornate invernali, il camino acceso è senza dubbio molto piacevole e confortevole. Si perché il camino ha la straordinaria caratteristica non solo di riscaldare gli ambienti ma anche di creare un’atmosfera del tutto particolare!

Tuttavia affinché il camino funzioni sempre alla perfezione è indispensabile avere molta cura della sua pulizia.

Se non viene pulito correttamente infatti, il camino è costantemente “in pericolo”; i rischi sono non solo la produzione di fuliggine e cenere ma anche l’incendio della canna fumaria.

 

Vediamo, dunque, come pulire il camino e mantenerlo sempre “splendente”.

Come pulire il camino: i consigli

La pulizia del vostro camino deve innanzitutto essere quotidiana; questo significa che dopo ogni fuoco è indispensabile eliminare la cenere prodotta, ricordandosi sempre di svuotare il cassettino di raccolta. Quando raccogliete la cenere, per evitare di produrre polvere, potete aiutarvi con delle foglie bagnate di tè che potete posare sulla cenere; in alternativa potete anche  bagnare con un normale spruzzino la cenere, prima di procedere alla raccolta.

Generalmente si consiglia di far spegnere il fuoco in modo naturale ma se avete fretta di rimuovere la brace o i tizzoni ardenti, allora vi consigliamo di utilizzare dei contenitori metallici per il trasporto della cenere. Evitate, quindi, i contenitori di plastica che al contatto con carboni o cenerei ancora “ardenti” potrebbero incendiarsi.

 

Dopo aver eliminato la cenere, aiutandovi non solo con paletta e scopino ma anche con l’aspirapolvere, così da eliminare anche i residui più piccoli, passate alla pulizia della griglia e delle parti metalliche. Per conservarle al meglio, potete utilizzare alcuni prodotti specifici per la lucidatura che troverete facilmente in commercio; vi basterà applicare il lucido con una semplice spugnetta d’acciaio, indossare i guanti e cominciare a lucidare. Dopo aver strofinato per bene la griglia e le altre parti metalliche, ricordatevi sempre di passarci sopra anche un panno morbido.

Ricordatevi di lucidare anche i bordi del camino; nel caso in cui si tratti di un camino in mattoni, utilizzate una spazzola dalle setole dure e un po’ d’acqua o in alternativa di aceto, non dimenticate però di risciacquare la superficie. Se si tratta di bordi in ceramica, la soluzione migliore è di lavarli con un semplice detersivo per piatti e risciacquare; ricordatevi di evitare i detergenti abrasivi che potrebbero danneggiare la superfice del camino. Nel caso in cui i bordi siano fatti di marmo, usate una spugna imbevuta di sapone e risciacquate o, in alternativa, un prodotto specifico.