Come pulire il travertino

Il travertino è un materiale abbastanza utilizzato per realizzare i pavimenti ed anche per le opere artistiche, molto friabile, essendo una roccia calcarea, ma gradevolissima dal punto di vista estetico. Chiaramente come tutte le cose pregiate è anche costoso e delicato, pertanto quando si tratta di pulirlo, si necessita di particolari cure ed attenzione, vediamo allora nel dettaglio come pulire il travertino:

come accennato la pulizia di questo materiale deve essere ponderata in quanto se non è stato rivestito a dovere e trattato con stucco e resina, potrebbe letteralmente sgretolarsi o rovinarsi, preferite quindi sempre dei detergenti delicati e neutri, in modo tale da rispettarne la particolare struttura e delicatezza. Procedete alla pulizia in maniera insolita rispetto ai pavimenti classici e/o più in voga, ovvero prendendo una saponetta di Marsiglia e riducendola in scaglie, poi versate queste all’ interno di un secchio dove avrete disposto dell’ acqua dell’ acqua e lasciatele sciogliere, magari aiutandovi con un cucchiaio o utilizzando dell’ acqua calda che dopo lascerete raffreddare portandola a  temperatura ambiente. Quando le scagliette di sapone di Marsiglia saranno perfettamente sciolte, immergete all’ interno del secchio un panno realizzato in microfibra per pavimenti, strizzatelo per rimuovere gli eccessi d’ acqua e passatelo sulla superficie dei pavimenti in travertino con l’ aiuto di uno spazzolone, se necessario ripetete questa operazione più volte, insistendo particolarmente su eventuali macchie che possono essersi venute a  creare nel tempo ( le quali se possibile, per limitare i danni, devono essere rimosse appena ci si accorge che è colato qualcosa a terra, si sono verificati degli schizzi, delle perdite ecc.. con una spugnetta intrisa di  acqua e sapone neutro). Talvolta la semplice pulizia ordinaria e straordinaria di questo materiale, potrebbe non bastare, allora in quel caso può rendersi necessario o comunque utile, un intervento di tipo tecnico, di levigatura prima e di impermeabilizzazione dopo, in modo da poter “vivere” la casa in maniera più spontanea e rilassata, senza temere di rovinare o macchiare il pavimento.