Come pulire la cantina

La cantina di un’abitazione, altro non è, che un locale quasi sempre adibito a laboratorio, improvvisato per coltivare i propri hobby, ma soprattutto, utilizzato come ripostiglio, in cui vengono accantonati tutti quegli oggetti di intralcio, vecchi o in disuso, di cui però non ci si vuole o non ci si può disfare. Inoltre, essendo situata nei seminterrati delle case, la frescura e il buio di cui gode, la rendono anche adatta a conservare cibarie varie e vini. Accumulando continuamente, quando poi giunge il drastico ed angosciante momento di dover dare una sistemata alla propria cantina, lo si fa sempre un po’ a malincuore al solo pensiero di dover sistemare tutti quegli ammassi di oggetti di ogni genere e dimensione. Eppure, è un compito che va eseguito e anche con una certa frequenza, sia per conservare intatte tutte le cose che custodisce, sia per evitare che venga invasa da ospiti indesiderati quali topi ed insetti, attratti dagli ambienti poco illuminati e umidi. A questo punto, continuando a leggere con attenzione questa breve guida, troverete validi consigli su come pulire correttamente il sottoscala senza perdere troppo tempo.

Iniziamo:

Dopo aver indossato abiti confortevoli, impossessatevi di robusti guanti di gomma e rapidamente portate fuori tutti gli oggetti, svuotando ogni angolo del locale.

Con degli stracci vecchi e un buon detergente, spolverate le superfici e gli scaffali continuando spazzando il pavimento con una scopa di saggina, perfetta soprattutto per rimuovere eventuali macchie.

Servendovi di un secchio, versatevi dentro dell’acqua e candeggina o uno specifico detersivo per pavimenti e cominciate a lavare energicamente la pavimentazione, nell’ attesa che si asciughi, riportate dentro tutti gli oggetti e sistemateli nel modo più ordinato possibile, coprendoli con dei teli in plastica per meglio ripararli dall’ usura e per non tenerli a contatto diretto con la polvere.