Come pulire la soffitta

La soffitta è uno dei luoghi nei quali siamo soliti accantonare cose inutilizzate, abiti dismessi, ricordi d’infanzia e chi più ne ha più ne metta. In essa custodiamo tutto ciò che “potrebbe servirci prima o poi” o da cui non riusciamo a distaccarci. Sovente, tendiamo a trasformarla in una vera “discarica” casalinga, in cui, il più delle volte, ci perdiamo nella ricerca di qualcosa che non troveremo mai, poichè inscatolata chissà dove, sepolta da polvere e ragnatele. Ma quando arriva il momento di doverla necessariamente pulire, da dove bisogna iniziare a rassettare senza perdere tempo? Ecco alcuni consigli da seguire per ottenere un risultato impeccabile:

1)Prima di tutto, munirsi di panni antistatici per pavimenti e superfici: si tratta dei cosiddetti panni “cattura polvere” che ci aiuteranno a rendere più lucente l’ambiente.

2)Tenere a portata di mano un’asta telescopica per pulizie: nell’immaginario collettivo, la soffitta è un ambiente basso, in cui alcuni punti sono difficilmente raggiungibili da una persona di media statura, per cui l’utilizzo di un’asta telescopica può essere il giusto aiuto per raggiungere i punti più alti.

3)Lavare le superfici con detergenti naturali e profumati: prodotti naturali e non aggressivi sono l’ideale per la detersione dei pavimenti e dei complementi d’arredo, un ottimo rimedio ad esempio lo si ottiene diluendo semplicemente dell’aceto nell’acqua.

4)Utilizzare sempre delle scatole di cartone o di plastica per conservare al meglio gli oggetti: dopo essere intervenuti con olio di gomito in ogni angolo della nostra soffitta, per evitare che dopo poco tempo risulti nuovamente un’ accozzaglia di cianfrusaglie sepolte dalla polvere, la cosa migliore da fare, è quella di riporre il tutto all’interno di comuni contenitori e scrivere sulla parte esterna di ognuno il contenuto, cosicchè, quando si avrà urgenza di ritrovare qualcosa la ricerca sarà di gran lunga molto più rapida.