Come pulire le porte in legno

Prima di procedere alla pulizia delle nostre porte in legno è importante spolverarle accuratamente con un panno asciutto e morbido, sopratutto nella parte superiore dove e in eventuali scanalature perché sono i posti dove si annida più polvere.

Visto che il legno è un materiale poroso e per certi aspetti molto delicato, per la sua pulizia si sconsiglia vivamente l’utilizzo di detergenti chimici molto aggressivi. Sono logicamente indicati i prodotti per la cura del legno o può risultare più che sufficiente l’utilizzo di acqua e aceto di mele.

Procediamo con la pulizia diluendo un bicchiere di aceto di mele in un secchio di acqua tiepida (se utilizzate altri prodotti seguite le dosi consigliate sulla confezione), se sono bianche potete aggiungere anche un cucchiaino di bicarbonato di sodio ben sciolto.

Inumidite un panno nel secchio e passatelo sulla porta on movimenti dal basso verso l’alto, sciacquate bene lo straccio con sola acqua e ripassatelo sulla porta. Procedete ad asciugare con un panno di cotone. Una volta asciutta, passate sulla porta un panno asciutto e morbido, di lana o microfibra per donarle lucentezza. La stessa tecnica vale anche per le porte laccate bianche.

Se la porta ha bisogno di una pulizia più accurata, potete usare una spugna imbevuta di acqua in cui è stato diluito un cucchiaio di ammoniaca. Fate attenzione che la spugna non abbia parti abrasive che potrebbero danneggiare eccessivamente la porta e dopo aver pulito potete passare della cera vergine per ridare brillantezza oppure strofinateci una mezza patata e poi asciugate con un panno morbido.

Se le porte sono il legno grezzo, procuratevi un sapone di Marsiglia e grattugiatene un po’ in un bicchiere con acqua tiepida, fate sciogliere. Immergeteci dentro un panno di cotone, strizzatelo e poi passatelo su tutta la superficie della porta. Non occorre né sciacquare né asciugare.