come pulire un pc

Gli appassionati di tecnologia ed in particolare di informatica, computer and company, per pulizia del computer molto spesso intendono la sola scansione del pc, l’ eventuale rimozione di virus, malware ecc.. che possono danneggiare i computers, dimenticando l’ altrettanta indispensabile pulizia, nel senso stretto del termine delle superfici hardware del pc, sia per motivazioni di natura igienica, ma anche funzionali, ma molto spesso si ha paura di danneggiare questi dispositivi, limitandosi ad una spolveratina superficiale, vediamo nel dettaglio allora come pulire il pc:

sia che si tratti di un pc fisso che di uno portatile, dovrete chiaramente spolverarlo ogni giorno aiutandovi con un morbido panno in microfibra pulito, poi un paio di volte a settimana invece vi dedicherete ad una pulizia più approfondita, tale da rimuovere anche delle eventuali macchie presenti. Si tratta di imbibire un panno in microfibra di una soluzione ottenuta con una parte di aceto di vino bianco ed una parte d’ acqua, poi strizzatelo e passatelo con cura su tutte le superfici del pc, insistendo particolarmente sul monitor, ovvero la parte solitamente più delicata ed esposta alle macchie, dopo aver strofinato il panno con delicatezza, con un altro panno asciutto andrete a rimuovere ogni traccia di umido. Per quanto riguarda quelle zone difficili da pulire come la tastiera, il retro del pc e la zona laterale, dove molto spesso dalla griglia, notiamo fuoriuscire degli orribili gomitoli di polvere soprattutto se tenete il pc a terra, possiamo utilizzare dei piccoli aspirapolveri per pc, oppure una bomboletta ad aria compressa, che ci permetteranno di raggiungere anche i punti più nascosti e sporchi del pc con estrema facilità. Poi se trovate qualche macchia sui tasti o sul mouse, potrete utilizzare le apposite gomme cosiddette magiche , dopo averle inumidite, per una rimozione semplice ed efficace dello sporco.