Come riciclare la plastica

La plastica è uno dei materiali più utilizzati e presenti nelle case, in particolar modo nelle bottiglie d’acqua e in quelle dei detergenti per le pulizie domestiche.
Dato che questo materiale impiega tantissimo tempo ad essere smaltito dall’ambiente, è buona cosa trovare qualche modo per riutilizzarlo, dandogli così un nuovo ed utile scopo.
Ci sono tantissime idee per riciclare gli oggetti in plastica, alcune molto chic, utilizzate anche nel “design del riciclo”,  ma molte alla portata di tutti, come i vasi e i portaoggetti.
Ad esempio, utilizzando i fondi di bottiglia, che, con un po’ di immaginazione, possono sembrare del particolari fiori trasparenti, ed un po’ di spago, si possono addirittura costruire delle originalissime tende.
Un’altra possibilità di riciclo consiste nel creare una mangiatoia per uccelli; per realizzarla servono alcuni cucchiai di legno e delle bottiglie di plastica. Si procede in questo modo: si  fanno dei buchi sulle bottiglie, opportunamente tagliate,  e vi si inseriscono i cucchiai; i cucchiai si inseriscono dalla parte dei loro incavi, in modo che il mangime scenda dal manico fino al cucchiaio.
Si possono utilizzare le bottiglie di plastica anche per progettare una terriera.

Dalle bottiglie riciclate si possono ottenere anche divertenti e pratici portapenne. Per realizzarli, ci sono tante possibilità, una molto semplice e originale è quella di utilizzare delle calze. Il procedimento è questo: si taglia il fondo della bottiglia, all’altezza che si preferisce, dopodiché, si infila la bottiglia dentro una vecchia calza (meglio se di cotone) colorata, rigirando il suo bordo verso l’interno.
Altri utilizzai creativi, sono quelli per i giochi dei bambini o le decorazioni della loro cameretta.
Costruire degli oggetti tramite il riciclo della plastica, può essere molto educativo per loro: impareranno, con il tempo, a distinguere tra i vari materiali quali siano riciclabili e quali non lo siano, e la loro importanza nelle quotidianità.
Con una bottiglia di plastica, ad esempio, si possono creare delle lampade-acquario di grande effetto.
L’occorrente è una bottiglia di plastica, dell’olio di semi, dell’acqua e delle capsule effervescenti (tipo aspirina)
La lampada si prepara riempiendo con l’olio di semi una bottiglia, per poco più della metà della sua lunghezza, ed il resto con l’acqua, lasciando uno spazio vuoto di un paio di centimetri; successivamente si aggiunge del colorante per alimenti e poi si inserisce un pezzetto di tavoletta effervescente nella bottiglia per l’effetto finale.