Come riparare una porta

Le porte di un’ abitazione, soprattutto se hanno il telaio in legno oppure in vetro sono purtroppo soggette ad usura, anche perché nel corso della giornata può capitare che esse sbattano, magari a causa di correnti d’ aria o incuria, se non vi va di sostituirle o semplicemente non è giunto ancora il momento, potete provare a rimediare, vediamo pertanto come riparare una porta:

la prima cosa da fare è smontare la porta interessata, sganciando i cardini e poggiandola sul pavimento oppure su alcune sedie disposte in fila. Controllate che il telaio sia in asse  e corrispondente alla cornice e se vi sono delle  bozze su tutta la superficie, se dovessero esserci dovrete rimuoverle con l’ apposita pialla da falegname in modo che la porta possa tornare a svolgere la sua normale funzione senza intoppi. Chiaramente controllerete anche il telaio fissato alla parete per verificare se presenta lo stesso problema. Se vi dovessero essere dei problemi molto antiestetici, come bolle d’ aria e screpolature della vernice bisognerà intervenire tempestivamente, rimuovendo queste parti di vernice vecchia con cura, poi dovrete cospargere la parte con della colla vinilica e fissare con un morsetto lasciando seccare il collante per un giorno intero. Passato il tempo richiesto vi toccherà  carteggiare, quindi eliminare la polvere prodotta con un pennello e riverniciare con cura. Quando avrete finito, anche il telaio della porta necessiterà delle stesse cure, altrimenti si noterà una certa discromia. Se la vostra porta ha il vetro, controllate che questi siano integri e non presentino crepe o scheggiature, in caso affermativo dovrete sostituirli procedendo con cautela che evitare di ferirvi. Cominciate rimuovendo la griglia di legno con i quadrati ( se presente) e con un movimento deciso estrarre il vetro, quindi sostituitelo con il nuovo vetro e riposizionate la griglia. A questo punto non vi resta che rimontare la porta al suo posto.