come scegliere gli alimenti alleati della linea

Le scelte alimentari buone e sane offrono un mix ben equilibrato di antiossidanti, vitamine, minerali e altri composti benefici che aiutano a mantenersi in buona salute. Purtroppo la vita frenetica che molti  di noi  conducono,  spesso  ci porta a consumare pasti fugaci, magari già pronti  e/o trasformati e questo chiaramente non va bene per la  salute. Tuttavia, è possibile invertire molti degli effetti di una dieta povera mangiando sano. Ricorda sempre che quando si tratta di prendersi cura della vostra salute, la prevenzione è la chiave e non è mai troppo tardi per intraprendere passi per una migliore salute. Cerchiamo  di capire insieme allora  come  scegliere gli alimenti alleati della linea:

 

l’obesità è definito come accumulo anormale o eccessivo di grassi che può compromettere la salute. L’obesità è legata a malattie cardiovascolari, diabete, disturbi muscolo-scheletrici e persino alcuni tumori (inclusi di endometrio, seno, ovaie, prostata, fegato, colecisti, reni e colon). Per aiutare a ridurre la perdita di peso e proteggersi dal rischio dell’obesità, iniziare la giornata con acqua e limone. Il limone aiuta a migliorare la digestione e favorisce la disintossicazione, rimuovendo le tossine dal tuo corpo che rallentano il metabolismo. Inoltre, gli agrumi in generale, contengono molte vitamine e sostanze, come gli antiossidanti, che possono aiutare a prevenire gli effetti nocivi dell’obesità. L’artrite è un disturbo articolare, che  colpisce  spesso le persone in sovrappeso, in cui una o più articolazioni diventano infiammate. Ci sono più di 100 tipi diversi di artrite e possono causare dolori gravi nelle articolazioni colpite. Vivere con l’ artrite è estremamente doloroso. Ma è possibile gestire l’artrite e altri problemi legati al dolore con la curcuma. Essa contiene un composto chiamato curcumina, che ha proprietà antinfiammatorie. Inoltre, la proprietà antiossidante della curcuma distrugge i radicali liberi nel corpo che danneggiano le cellule. Uno studio del 2003, sottolinea che la curcumina inibisce una serie di molecole diverse che svolgono un ruolo nell’infiammazione.