Come scegliere il seggiolone

Il seggiolone sarà messo a dura prova durante la crescita del bambino: pappe sputate, pasticciate, schizzate piatti rovesciati, fodere smangiucchiate. Insomma è un oggetto da scegliere con attenzione.

Ne esistono alcuni completamente sfoderabili e lavabili in lavatrice: inutile dirlo che è sicuramente una soluzione comoda da prendere seriamente in considerazione.

Per quanto riguarda il vassoio ne esistono alcuni smontabili da mettere in lavastoviglie però di solito sono fatti di un materiale già lavabile quindi considerate le vostre esigenze anche se la differenza è relativa. È importante invece assicurarsi che sia fatto con un materiale non tossico e che sia abbastanza ampio.

Esistono altre cose da valutare prima dell’acquisto, se il seggiolone sarà utilizzato dai primi sei mesi fino ai tre anni e poi magari per un altro figlio è consigliabile un modello che si si allunga, si allarga e si stende così che possa adattarsi alla crescita. Ci sono anche altre opzioni relative alla seduta, allo schienale reclinabile, al poggiapiedi che può essere regolabile, queste sono scelte personali e dipendono anche dalla vivacità del bambino.

Tra seggiolone e seggiolino da tavolo la scelta dipende dall’età e dalle esigenze:

Il seggiolino da tavolo è pratico, comodo e utile quando si è in vacanza o si mangia fuori casa o ancora in case troppo piccole. Il bambino deve essere piccolo anche perché non ha vassoio quindi non può mangiare da solo. È necessario inoltre tenerlo costantemente sotto controllo perché il bambino può facilmente muoversi, sbilanciarsi o scendere.

Il seggiolone, invece, essendo più stabile consente delle distrazioni e avendo il vassoio può essere utilizzato per far giocare il bambino mentre si cucina, farlo disegnare o vedere le figure di un libro, oltre che per mangiare. Di solito non sono molto pesanti quindi si spostano facilmente quando il bambino non è seduto. Esistono però seggioloni con le ruote che si potranno portare dietro, ad esempio mentre si fanno le pulizie, così da tenere il bambino sotto controllo.