come scegliere l’ università

Molti di voi quest’ anno hanno sostenuto gli esami di maturità e fortunatamente li hanno superati, chi bene e chi per il rotto della cuffia, ma la sostanza di certo non cambia, ovvero avete chiuso un ciclo scolastico e con esso un periodo della vostra vita molto importante, vi porterete per il resto della vita ricordi indelebili di scherzi, risate  tra i banchi di scuola, aneddoti memorabili ed anche (si spera) un bel bagaglio culturale e di conoscenze utili per affrontare il mondo in generale e quello del lavoro in particolare, in molti tra voi infatti termineranno qui il loro percorso di studi, altri invece lo continueranno iscrivendosi all’ università ed altri ancora si iscriveranno presso una facoltà che non gli interessa davvero perchè magari non hanno fatto la scelta giusta. Vediamo insieme come scegliere l’ università:

la scelta dell’ università, visto che molto probabilmente influenzerà il resto della nostra vita ed il nostro lavoro futuro, andrebbe scelta con estrema cura ed autonomia, ovviamente chiedere consiglio ai vostri genitori e a chi vi conosce bene, vi sarà senza dubbio utile, ma ricordatevi che la decisione finale spetta unicamente  a voi, solitamente chi lascia l’ università dopo poco o allunga a dismisura i tempi entro i quali si laurea è una persona che ha scelto una facoltà che fondamentalmente non era di suo interesse o comunque per la quale non era portato. La scelta dell’ università deve essere inoltre razionale, non soltanto emotiva, se ad esempio vi appassionano tantissimo l’ elettronica, l’ informatica ecc.. ma siete delle schiappe in matematica, dovreste rendervi conto che le probabilità di riuscita per voi in quel settore sono piuttosto scarse, o che comunque rispetto ad altri studenti partireste in una situazione di svantaggio. Dovrete infine considerare anche se la facoltà che avreste scelto è presente nell’ università della vostra città, in caso negativo dovrete valutare di trasferirvi in un’ altra città, con tutti i disagi e le spese che comporta. Infine date anche uno sguardo alle statistiche sugli sbocchi occupazionali della facoltà prescelta.