Come scegliere le porte

La scelta delle porte in un appartamento può rivelarsi davvero ardua in  quanto  sul mercato  ne esistono svariati modelli ed ognuno può essere realizzato con diversi materiali, inoltre la scelta si complica nel momento in cui si devono valutare gli spazi e scegliere l’ arredamento circostante, infatti chi non ha esperienza a riguardo può davvero trovarsi in difficoltà e compiere talvolta scelte sbagliate. Vediamo insieme quindi come scegliere le porte:

il primo fattore da considerare nella scelta di una porta è lo spazio di cui si dispone e del budget che ci siamo prefissati. La classica porta a battente, ovvero il modello più diffuso è sicuramente quello che occupa più spazio in quanto quando andiamo ad aprire la porta, questa necessita di un raggio di apertura, essa è però anche la soluzione più economica. Esistono anche delle porte che ingombrano meno ma sono più costose come la porta scorrevole all’ interno del muro, questa è molto pratica e gradevole esteticamente ma per ovvie ragioni la parete dove si  andrà ad inserire, non potrà avere quadri, mensole o altro sulla superficie. Più economica ed indicata per ambienti piccoli ma meno gradevole esteticamente è la porta scorrevole su binario, la quale viene montata sul lato esterno della parete, pertanto il lato della parete che ospita il binario dovrà restare libero.  Una valida alternativa, che non limita l’ utilizzo della parete, è offerta dalle porte a libro, le quali si ripiegano a  metà, occupando davvero poco spazio, ma sono più care delle porte classiche. Per quanto riguarda i materiali con cui è realizzata una porta dovrete fare una scelta sia estetica che di budget, ad esempio le porte realizzate interamente in legno sono decisamente più durature nel tempo ma solitamente si adattano meglio ad un arredamento “importante” e classico, forse non più tanto attuale, se preferite pertanto un arredamento moderno e particolare risparmiando anche notevolmente la vostra scelta potrà ricadere sul truciolato o sul laccato. Infine la scelta di una porta dalle linee semplici magari di colori neutri ed una particolare dalle tinte forti o decorate dovrà fare i conti su quelle che sono le vostre intenzioni, se siete persone che puntano sulla durata ( quindi meglio una porta semplice dai colori neutri che ben si  adatta anche ad eventuali cambi di arredamento nel tempo) o sull’ estetica ( una porta particolare potrebbe stufarvi subito anche se  al momento è stato “amore a  prima vista”, pertanto valutate che probabilmente in futuro le cambierete).