Come scurire la barba

 

L’uomo brizzolato è comunque affascinate, non perde di attrattiva. Anzi, per lui gli effetti dell’età non hanno gli stessi risvolti, a volte devastanti, come per le donne, a meno che questi segni non comincino a spuntare dove proprio non lo si desidera. Per intenderci, l’argento tra i capelli non ha lo stesso effetto che sul volto, anche perché capita che barba e baffi assumano una tonalità giallastra alquanto sgradevole.

In questi casi si può ricorrere al rasoio, oppure, se avete sempre portato la barba e senza quasi stentate a riconoscervi, alle tinture. Non c’è da vergognarsi, tingersi è un rimedio ormai molto diffuso anche tra gli uomini, per apparire sempre al meglio. Soltanto, siate oculati nella scelta del colore, prendetelo di qualche tonalità più chiara rispetto al vostro colore naturale, poiché il rischio, quando le si usa per la prima volta, è sbagliare i dosaggi o i tempi di applicazione, finendo così per creare un effetto disomogeneo, colorando la barba di una tonalità molto più scura dei propri capelli.

Per evitare che accadano questi incidenti, che creano non poco imbarazzo e richiedono poi diverso tempo per essere riparati, il metodo più veloce ed efficace è scurire la barba ricorrendo alle schiume coloranti. Questi, prodotti rilasciano il colore gradualmente, infatti, vanno applicati più volte a distanza di pochi giorni, assicurando però risultati dall’effetto più naturale.

Per rimedi più mirati, per scurire piccole zone della barba senza per forza stravolgere il proprio look, c’è invece l’henné. E’ un prodotto poco aggressivo, visto che non contiene ammoniaca, e in più rinforza il pelo, rendendolo luminoso. L’unico fastidio può essere provocato dal fatto che l’henné va preparato da soli con della polvere specifica, mescolata ad acqua e aceto. Ma anche con questo prodotto i risultati sono assicurati e poi tutti gli ingredienti sono facilmente reperibili in erboristeria o presso i fornitori per parrucchieri.