Come scusarsi con la mamma

Avere degli scontri, a volte anche duri, con i propri genitori, non è raro, soprattutto durante la fase adolescenziale, salvo poi accorgerci che, ad un certo punto della nostra vita, ci ritroviamo ad assumere esattamente gli stessi comportamenti che in loro tanto ci hanno infastidito, oppure, a commettere gli stessi errori che ci hanno fatto arrabbiare. Quando ci si rende conto di non essere cadute poi così distanti dall’albero, vuol dire che è arrivato il momento di scusarci (e magari ringraziare), noi donne, in particolare, la nostra mamma. E’ tra mamme e figlie che, infatti, si vengono a creare le conflittualità più forti.

Se non lo avete mai fatto prima, anzi avete lasciato che le incomprensioni si ingigantissero fino a creare una sorta di disagio in presenza l’una dell’altra, può essere molto difficile dire: “Mamma scusami”. Ma, insomma, la mamma è sempre la mamma e mai stereotipi sono risultati tanto veri quanto quelli riguardanti mamme e figli. Quindi, lei sarà disposta sempre a perdonarvi, purché riesca a vedere in voi il cambiamento che auspicava. Già, perché se una persona che vi ama vi rimprovera, lo fa soltanto per il vostro bene, perché sa che potete essere delle persone migliori e quindi più felici.

Evitate perciò i regali superflui – fiori, vestiti o accessori di valore – finiscono presto nel dimenticatoio. E poi pensate davvero che desideri questo vostra mamma da voi?

Dimostratele, invece, che avete compreso i vostri errori e state provando a cambiare. Se proprio volete farle piacere e allo stesso tempo porgerle delle vere scuse, andatele vicino e abbracciatela – anche senza dire una parola – lei capirà.

Quando le acque si saranno calmate, cercate di trascorrere del tempo insieme, condividendo quelle attività che piacciono ad entrambe. Magari pensate bene di prodigarvi un po’ per alleggerirle il carico dei compiti che le spettano quotidianamente: pulizie della casa, cucina, spesa, bucato. Così vostra mamma capirà di avere in voi finalmente una complice e non una rivale.