come servire gli antipasti

Anche l’occhio vuole la sua parte. È proprio il caso di dirlo. Organizzare una cena o un buffet senza prendersi il giusto tempo per servire le pietanze in modo piacevole e bello alla vista, potrebbe inficiare gran parte del vostro lavoro.

Preparatevi allora a dare sfogo alla vostra fantasia, siate originali ma con cura. Sopratutto per gli antipasti la moda culinaria del momento ci arriva in soccorso con i fantastici finger food: monoporzioni servite in piccoli contenitori di plastica o altro materiale. Molto carini, coloratissimi e spesso non prevedono preparazioni molto laboriose ma solo un po’ di pazienza. Sono un antipasto ideale per una cena anche molto elegante e in alcuni casi la loro semplicità di preparazione li rende alla portata anche delle cuoche meno esperte.

A parte i finger food, un modo valido per non farvi trovare impreparati sulla presentazione degli antipasti è quello di scegliere in tempo quello che volete offrite. Se pensate ad esempio a delle tartine, cercate sul web un’ispirazione su come servirle nel modo più carino. Troverete un sacco di idee originali che potete personalizzare e l’importanza dell’anticipo sta nel fatto che così potete avere tutto il tempo per procurarvi l’occorrente per la presentazione, o per cambiare idea.

Non dimenticate poi due regole essenziali ossia che l’antipasto non è la stessa cosa dell’aperitivo e l’altra che deve essere in tema con il resto della cena.

L’antipasto non è un aperitivo significa che patatine, noccioline americane, taralli e salatini devono essere banditi a meno che voi non decidiate di offrirli insieme ad un cocktail di benvenuto che possa intrattenere gli ospiti fino a quando non ci si siede a tavola per cena.

Essendo dunque l’antipasto una delle portate della cena, dipende da essa. Se il vostro piatto principale, ad esempio, è un pesce al sale, offrire come antipasto una tartare di carne bovina risulterebbe alquanto stonato, che dite?