Come sgrassare il brodo

Il brodo vegetale è un tocca sana per la salute ma il brodo di carne o di pollo sono molto più buoni. Come tutte le cose buone però ha il difetto di essere anche abbastanza grasso. Per non rinunciare al sapore e alla linea, possiamo eliminare dal nostro brodo una buona percentuale di grasso. Vediamo come fare. I metodi principali sono due uno a freddo ed uno a caldo.

Metodo a freddo: Dopo aver cucinato il brodo di carne e di pollo, scolatelo in un colapasta o in un col colino affinché si separi la parte liquida da quella solida. Riponete ora il brodo all’interno di un contenitore di vetro e fatelo raffreddare. Quando sarà freddo riponetelo in frigo. Deve rimanerci diverse ore quindi è consigliabile prepararlo la sera prima o la mattina presto per la cena. Quando preleverete il baratolo dal frigo vi accorgerete che in superficie si è creata una patina biancastra, questa è il grasso che con il freddo si è rappreso, trasformandosi in forma solida. Una volta prelevata con cura questa parte, il vostro brodo sarà molto più leggero, dietetico e salutare. Il sapore però non subirà alterazioni.

Metodo a caldo: una volta prondo il brodo scolatelo una prima volta per liberarlo dalla parte solida della carne e dei vegetali che avete aggiunto alla vostra preparazione. Dopo quiesta operazione il grasso sarà ancora tutti lì. Per eliminarlo dovrete filtrare tutta la parte liquida facendola passare attraverso un canovaccio da cucina con le maglie abbastanza stratte. Fate attenzione a due passaggi importanti; il primo è quello di bagnare il canovaccio con dell’acqua fredda e il secondo, strattamente legato a questo, è quello di non utilizzare il brodo bollente. Per lo stesso motivo di cui sopra, cioè che il grasso si rapprende a contatto con il freddo, il canovaccio bagnato con l’acqua fredda aumenta la sua capacità di filtraggio del brodo e versare il liquido che sia a temperatura ambiente piuttosto che bollente fa si che il canovaccio non si riscaldi.