Come si affronta una separazione

Affrontare una separazione non è mai una cosa facile. Se un matrimonio arriva al divorzio, un motivo ci sarà e prima della separazione definitiva si vivrà una terribile agonia: la fase terminale di un rapporto è caratterizzata da sentimenti contrastanti, da un lato vi è una forte insoddisfazione e dall’altra paura del distacco.

Purtroppo, molti rapporti di coppia vanno avanti non perché funzionano, piuttosto perché la “paura del distacco” è più forte di ogni insoddisfazione e non si sa come affrontare la separazione. Solo in rari casi, la separazione, è vissuta come una liberazione. La fine di una relazione è un processo molto doloroso per entrambi le parti ma per chi viene lasciato lo è molto di più.

Chi prende l’iniziativa, certamente dovrà fare i conti con i sensi di colpa, con i dubbi di aver fatto la scelta giusta e dovrà sopportare il peso della responsabilità ma è anche la parte meno emotivamente coinvolta. Chi viene lasciato sarà costretto a vivere una dolorosa esperienza di abbandono e di rifiuto.

Come affrontare una separazione. Prendere l’iniziativa
Bisogna essere onesti con il partner e soprattutto non bisogna confonderlo. Se avete deciso di chiudere il rapporto, fatelo senza confondere le idee al vostro partner. Se siete insoddisfatti del vostro rapporto e sapete che potete costruire qualcosa di meglio, non vi resta che “voltare pagina“. Di certo se hai deciso di lasciare il partner è perché l’amore è finito oppure le insoddisfazioni sono più forti di ogni forma di affetto che vive la coppia.

Molto spesso ci si lascia con il prestesto della “pausa di riflessione“, se proprio non riuscite a lasciare il vostro partner in altri modi, prendetevi un periodo, di certo tale modalità è molto egoistica perché lascerà una speranza al vostro partner ma questo periodo vi farà capire che potete benissimo vivere senza il partner che non amate più: con il vostro partner state male, imparate a capire che senza il vostro partner non starete peggio, la pausa servirà a questo e sarà l’anticamera della netta separazione. E’ un gesto egoistico perché voi vi assicurate una scialuppa di salvataggio, mentre il vostro partner non avrà neanche un salvagente.

Come affrontare una separazione. Chi viene lasciato
Ricordate che se un rapporto finisce, a fallire sono state due persone e non solo voi, pertanto cercate di curare al massimo la vostra autostima facendo attività che possono gratificarvi. Cercate di acquistare una rinnovata consapevolezza e guardate i lati positivi -sembra cinico ma ci sono!-, si saranno di certo aperte nuove prospettive per voi.

Se siete stati lasciati è assolutamente sconsigliato di forzare il proprio partner per “l’ennesima possibilità“, non sarebbe giusto nei confronti dei componenti della coppia, significherebbe posticipare la separazione e allungare l’agonia. Tutto ciò che dovete fare è accettare l’abbandono e per questo potreste aver bisogno di un supporto psicologico che vi aiuti a gestire i vostri stati d’animo: rabbia, tristezza, delusione, ansia…

Anche dopo la separazione, entrambi i componenti dell’ex coppia hanno ancora un futuro da vivere, un futuro che può regalare esperienze bellissime.

Image © Ocean/Corbis