Come si cucinano le seppie

La seppia è un mollusco spesso confuso con il calamaro, dotato di corpo appiattito, di una pinna e tentacoli dotati di ventose, in grado di raggiungere anche i 30 cm di lunghezza, la sua “arma” di difesa è l’ inchiostro custodito in una sacca interna, che viene rilasciato per confondere i predatori in situazioni di pericolo, molto amata in cucina. E’ possibile acquistare la seppia sia congelata che fresca, non privata della sua sacca contenente l’ inchiostro, molto amato ed utilizzato anch’ esso per la preparazione di prelibate pietanze. Se anche voi amate questo cefalopode, vediamo insieme come si cucinano le seppie:

prima di destinare le seppie alla cottura e quindi alla preparazione di qualsiasi ricetta, dobbiamo passare per la pulitura del mollusco, lavandola per prima cosa abbondantemente sotto il getto dell’ acqua fredda, in questo modo elimineremo ogni traccia di sabbia e sporco accumulatosi soprattutto tra i tentacoli. Dividete poi la testa dal resto del corpo, alla quale rimarranno attaccate anche le interiora. Quando estraete le interiora, fate attenzione a non rompere la sacca che contiene l’ inchiostro così non vi macchierete e potrete utilizzare il nero di seppia per tante ricette dal profumo di mare. Continuate a pulire le vostre seppie eliminando la pelle, il becco e gli occhi, quindi pulite nuovamente con cura sotto il getto dell’ acqua corrente. A questo punto potrete passare alla cottura delle seppie che potrà avvenire in umido, alla griglia, in padella, oppure potrete farcirla. Una ricetta classica da preparare con le seppie, degna di nota è la seppia ripiena, che si prepara sbucciando delle patate e tagliandole a fette sottili. Nel frattempo sbucciate l’ aglio e tritatelo in un mixer insieme ad un ciuffo di prezzemolo lavato e sgocciolato, poi unite pepe, pangrattato ed anche i tentacoli sminuzzati e continuate a frullare. Farcite la seppia con il composto appena preparato e chiudete la seppia con degli stuzzicadenti. Trasferite quindi le seppie in un tegame con un bicchiere d’ acqua, le patate affettate, una bustina di aromi ed un filo d’ olio, quindi infornate a 180° per 40 minuti.