come si fa la pasta all’ amatriciana

La pasta all’Amatriciana, è uno dei primi piatti simbolo della tradizione gastronomica del nostro paese, in particolare nato ad Amatrice, un paese a confine tra Lazio ed Abruzzo, preparato con spaghetti, guanciale ( o pancetta) e sugo. L’ amatriciana pare essere l’ evoluzione della gricia, altro piatto tipico laziale, che non prevede l’ aggiunta di sugo, in quanto antecedente alla scoperta dell’ America e quindi all’ importazione dei pomodori in Europa. Se anche voi desiderate mangiare una amatriciana saporita, preparata secondo la tradizione, vediamo insieme come si fa la pasta all’ amatriciana:

per prima cosa dovrete procurarvi tutto il necessario per preparare la ricetta per 4 persone, ovvero 400 gr di spaghetti, acqua per la cottura, 1 peperoncino, 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva, 80 gr di pecorino romano grattugiato, 100 gr di guanciale, 350 gr di passata di pomodori, 50 ml di vino bianco, sale q.b. E pepe q. b.

Con tutti gli ingredienti a portata di mano cominciate pure a preparare la vostra amatriciana, eliminando la cotenna dal guanciale che poi taglierete a listarelle. In una padella antiaderente, mettete a riscaldare sul fuoco un filo d’ olio, quindi unitevi il guanciale ed il peperoncino spezzettato e lasciate cuocere fino a quando il grasso del guanciale sarà completamente sciolto, a quel punto sfumate con il vino bianco, mescolate e lasciate evaporare, quindi unitevi il passato di pomodoro e lasciatelo cuocere. Intanto riempite una pentola con dell’ acqua e portatela sul fuoco, quando l’ acqua comincerà a bollire, salatela appena ed adagiatevi gli spaghetti. Scolateli poi al dente e versateli nella padella con il sugo, unendovi anche il pecorino. Mescolate con cura e lasciate saltare il tutto per un paio di minuti. Poi impiattate e servite, spolverando con del pepe nero macinato.