Come si prepara la focaccia barese

La focaccia barese, come  suggerisce il nome  stesso è una  ricetta tipica della puglia, perfetta  come piatto unico o da gustare per uno spuntino, quando si avverte un po’ di fame o quando si ha voglia di mangiare una validissima alternativa alla pizza. Nella città  di Bari (  enon solo) in questi casi viene preparata una deliziosa focaccia, che prevede l’ utilizzo della patata nel sofficissimo impasto e l’ impiego di pomodorini, se anche voi avete voglia di assaggiarla, preparandola con le vostre stesse mani, vediamo insieme come si prepara la focaccia barese:

per preparare una teglia di focaccia sufficiente per 6 persone vi serviranno 120 g. di semola di grano duro, 15 g. di lievito di birra, 160 g. di farina 0, una presa di sale, circa 60 ml di olio extra vergine di oliva, 160 ml di acqua, 60 g. di patate. Poi per il condimento 350 g. pomodorini, sale q.b., olio extra-vergine di oliva q.b.

Dopo esservi procurati tutto il necessario per la realizzazione della focaccia in questione, potete cominciare la preparazione  lessando le patate e spellandole, poi passatele in uno schiacciapatate e trasferitele in una ciotola, poi aggiungete le 2 farine setacciate, aggiungete anche il sale, il lievito sciolto all’ interno di una piccola parte dell’ acqua prevista dalla ricetta, cominciate ad impastare ed unite poco alla volta la restante parte di acqua e lavorate il composto fino a quando si staccherà dalle pareti, a questo punto ungete per bene tutto il panetto con olio ed anche la teglia sul quale lo appoggerete e lasciate lievitare per 2-3 ore. Trascorso il tempo necessario, riprendete l’ impasto e stendetelo, aiutandovi con le dita all’ interno della teglia, aggiungendo, se necessario un goccio di olio, quindi cominciate a condire la focaccia, rompendo a metà i pomodorini e spingendoli delicatamente a testa in giù sull’ impasto, poi aggiungete un filo d’ olio, l’ origano ed il sale ed infornate pure in forno già caldo e lasciate cuocere per 20 minuti alla massima potenza, regolandovi voi stessi per la cottura, dal momento che non tutti i forni sono uguali.