Come si ricostruiscono le unghie

 La ricostruzione delle unghie  è un trattamento  estetico sempre più in voga  per la cura delle  mani  che  consente  di  avere unghie perfette per circa un mese,  a  seconda dell’ abilità dell’ onicotecnica che lo esegue ed anche in base all’ utilizzo  che  facciamo delle  mani. L’ onicotecnica è la figura specializzata che esegue questo trattamento, che consiste nell’ allungare e decorare con varie tecniche di nail art le vostre unghie, ma in tante sono le ragazze che si cimentano come  autodidatte o magari  dopo aver seguito un corso  introduttivo per apprenderne  le  tecniche.  Vediamo insieme allora come si ricostruiscono le  unghie:

In genere si allunga l’unghia naturale con delle tips (unghie finte con scalino) o con le cartine apposite, creando prima il cosiddetto ” ponte” ( si applica il gel sia sull’unghia che sulla pelle in fase preliminare). Il gel che può essere monofasico o trifasico, si presenta in forma fluida o liquida  viene applicato sull’unghia e dopo va messo in un’apposita lampada uv che polimerizza e quindi indurisce il gel.  Si prosegue quindi con vari passaggi, il primo consiste sempre nel disinfettare gli strumenti e le mani, poi spingete all’ indietro le cuticole con un bastoncino di legno. A questo punto preparate l’unghia limandola anche sopra, con una lima e poi un buffer. Applicare uno strato di primer su tutta l’unghia e lasciare asciugare all’aria, quindi stendere uno strato di gel sottile, polimerizzate per 2 minuti sotto l’ apposita lampada, poi sgrassate l’unghia con un cleaner. A questo punto con una goccia di gel formare la  bombatura e polimerizzare e poi sigillate con un top coat.