Come si usa il tartufo bianco

Il tartufo bianco è un ingrediente molto pregiato, amatissimo  in cucina, il quale viene utilizzato per insaporire primi e secondi piatti. Si tratta di un ingrediente molto costoso, proprio perchè è pregiato e raro, ad ogni modo se ne utilizza veramente una piccola quantità alla volta per insaporire a sufficienza le portate, pertanto una volta tanto è possibile concedersi questa leccornia. Chiaramente per non sciuparlo dobbiamo impiegarlo bene, vediamo allora come usare il tartufo bianco:

consumato fresco il tartufo ( dopo esser stato accuratamente pulito e spazzolato per rimuovere ogni traccia di terreno) è chiaramente più ricco di gusto, esso è perfetto da utilizzare grattugiato ( o in scaglie) su un piatto di tagliatelle ai funghi porcini, ma  anche servito insieme  a carne e pesce, magari condito con del burro fuso o della besciamella calda. Il tartufo che è stato surgelato, meglio se  a fette ( per scongelarne solo la quantità che ci occorre di volta in volta) probabilmente avrà perso parte delle sue proprietà, soprattutto se non è stato congelato subito, in questo caso possono essere utilizzati anche essi grattugiati sulla pasta ( magari con un sugo più delicato in modo tale che il tartufo si senta maggiormente), potrete utilizzare ad esempio poco burro, del semplice olio o della panna da cucina. Il tartufo che è stato congelato può anche essere utilizzato per arricchire ed insaporire delle insalate o per accompagnare salumi e formaggi, alcune persone lo utilizzano anche sulla pizza. Nel caso in cui il tartufo sia conservato sottolio, può essere utilizzato a pezzetti sulle bruschette ed anche l’ olio dove era contenuto, ormai pregno di sapore non va sprecato, ma utilizzato per condire la pasta, dei secondi piatti o il pane. Se il tartufo è stato ridotto in salsa o purea invece, potrà essere utilizzato per farcire dei ghiotti antipasti e delle sfiziose tartine.