Come smettere di balbettare

La balbuzie è un disturbo che può interessare sia i bambini che alcuni soggetti in età adulta, causando isolamento e problemi di inserimento sociale. La sua risoluzione è possibile, ma richiede professionalità e impegno. Vediamo come smettere di balbettare.
Perché si balbetta?
La ‘balbuzie’ caratterizza un disordine della comunicazione di un soggetto o, meglio, della sua capacità di pronunciare correttamente le parole. La regolare fluidità di un discorso viene così interrotta da pause, blocchi, ripetizioni e suoni prolungati.
La balbuzie ha accompagnato l’essere umano sin dagli albori, caratterizzando le parole di personaggi storici come Demostene (il primo a mettere i sassolini in bocca), Mosè, re Giorgio VI (a cui è ispirato il film ‘Il discorso del Re’), Winston Churchill, Lewis Carroll, Marilyn Monroe, Napoleone Bonaparte e tanti altri.
Quali sono le cause? Non vi sono cause originarie, bensì fattori scatenanti, tra cui stress, ansia di parlare in pubblico, turbamenti psicologici e timidezza, che possono presentarsi sia da bambini che in età adulta. Come smettere di balbettare?
Smettere di balbettare
Ci sono diversi metodi per smettere di balbettare e comprendono tecniche pedagogiche, tecniche logopediche, farmacologiche e ipnosi, a seconda dell’età in cui si manifesta il fenomeno e il grado dello stesso.
Procediamo con ordine. Se il vostro bimbo dovesse iniziare a balbettare, dando segni di imbarazzo e frustrazioni, anche con il corpo, nei confronti del suo modo di parlare, è molto importante intervenire prima che la balbuzie possa diventare cronica.
Nel fare questo, evitate assolutamente di correggere il bambino. È meglio tranquillizzarlo e aiutarlo a ripetere correttamente la parola.
Per quel che riguarda l’approccio logopedistico, è necessario intervenire sul ‘sintomo’, lavorando sulla respirazione e, più tecnicamente, sul ritmo, l’articolazione e la coordinazione dei muscoli interessati dal fenomeno. Parlando sempre di bambini, potrete utilizzare dei trucchetti quali filastrocche con soggetti leggeri, poesie e, ancora meglio, canzoncine. Un altro rimedio consiste nel far disegnare il bambino, per poi lasciargli descrivere quanto ha creato.
E per quanto riguarda gli adulti? Come farli smettere di balbettare?
Innanzitutto, è bene rivolgersi a un logopedista specializzato nel trattamento della balbuzie. Questi potrà dunque interagire col soggetto in diversi modi come, ad esempio, rimuovendo blocchi psicologici, insegnando tecniche di rilassamento o mediante sessioni di ipnosi o psicofonìa.
Un’ultima tipologia terapeutica è rappresentata dall’approccio farmacologico, a base di benzodiazepine, ansiolitici, anticonvulsionanti e via dicendo. È doveroso accennare che sussistono alcuni effetti collaterali e che il ricorso a tali farmaci è solo previa prescrizione medica.