Come sostituire il burro

Il burro è uno degli ingredienti più utilizzati in ambito alimentare ed è la parte grassa del latte, che viene divisa dal siero per poi esser condensata. Il burro è preparato principalmente con latte vaccino ed è possibile trovarlo sotto forma di panetti dal colore giallo paglierino, dall’ aspetto morbido e scivoloso. Esso viene utilizzato per la realizzazione della maggior parte delle ricette, sia dolci che salate, o utilizzato semplicemente spalmato sul pane o per condire piatti e preparare soffritti. Chi desidera sostituire il burro in cucina, sa bene che il risultato ottenibile non è mai uguale, ma possiamo fare molto per avvicinarci. Solitamente chi desidera sostituire il burro in cucina lo fa per dimagrire o tenersi semplicemente leggero, se non gradisce il sapore intenso del burro, chi è intollerante al lattosio e pertanto non può utilizzarlo e chi è vegano e quindi non desidera consumare alcun prodotto derivante dallo sfruttamento degli animali. Tenendo conto quindi di tutte queste esigenze, vediamo insieme come sostituire il burro:

possiamo sostituire il burro con il burro di soia nello stesso quantitativo, ma sappiate che questo contiene molto olio di palma. Anche la margarina, dal sapore quasi uguale al burro è una degna sostituta ma è ricca di grassi saturi, che fanno male alla salute. Perchè allora non optare per alternative più semplici e salutari? L’ olio ad esempio, sia di oliva che di semi, di mais o di riso ( a seconda dei gusti) è il sostituto ideale del burro e potrete usarlo sia nelle pietanze dolci che salate, oltre che per condire, ricordate però di ridurre il quantitativo da usare del 20% rispetto al burro. Anche la panna o lo yogurt possono essere utilizzati in sostituzione del burro, aumentando questa volta, la proporzione del 25%. Questi due ingredienti ( riadattabili anche in versione vegana se scelti di soia) sono particolarmente indicati nelle preparazioni dolci, rendendole molto soffici e meno caloriche.