Come sostituire il galleggiante del wc

Lo scarico del nostro wc, è un comfort che ci consente di tenere sempre pulito ed igienizzato ( anche grazie all’ utilizzo di appositi prodotti) il nostro bagno, esso consente infatti un rapido ma efficiente risciacquo. Il meccanismo che permette alla scarico di funzionare è dato dal galleggiante, un apposito “pezzo” che si trova all’ interno della cassetta, dove si accumula l’ acqua, in un certo quantitativo. L’ acqua accumulata all’ interno della cassetta non deve superare un certo livello e questo livello è dato proprio dal galleggiante, quando poi andiamo a pigiare il pulsante dello scarico, l’ acqua scende e con essa il galleggiante, che apre la valvola per ricaricare l’ altra acqua da utilizzare al prossimo scarico, in questo modo, grazie all’ acqua, il galleggiante risale su e chiude la valvola. Pensate a questo meccanismo, magari eseguito per mesi, va da se che il galleggiante è un pezzo molto facile all’ usura, esso può danneggiarsi fino a rompersi, il quel caso ci accorgeremo della perdita continua di acqua dal wc, pertanto, al fine di ripristinarne il corretto funzionamento e per evitare sprechi di acqua, vediamo insieme come sostituire il galleggiante del wc:

procuratevi in primis l’ occorrente per eseguire questo piccolo lavoretto di idraulica, ovvero, una chiave inglese, il nuovo rubinetto con il galleggiante e del materiale isolante per proteggervi da eventuali fuoriuscite d’ acqua. Procedete pure alla sostituzione, dopo esservi assicurati che il galleggiante sia davvero rotto, chiudete la chiave dell’ acqua, poi aprite la cassetta di scarico del wc ed andate a svitare i dadi che tengono fermo il galleggiante nella cassetta, quindi andate a rivestire con del materiale isolante ( ad esempio la pellicola trasparente ad uso alimentare) i dadi e le estremità del rubinetto, quindi montate il nuovo galleggiante e riavvitate con cura. Andate a riaprire la chiave dell’ acqua e tirate lo scarico, in questo modo la cassetta si riempirà d’ acqua.