Come sostituire le uova

Le uova sono un ingrediente molto utilizzato in cucina, in quanto impiegate sia per facilitare la lievitazione sia per legare gli ingredienti di una ricetta.

Si tratta, quindi, di un “ingrediente” molto versatile che in alcuni casi può sembrare irrinunciabile!

Come fare, dunque, se per scelta o per necessità non si possono mangiare le uova?

Come sostituire le uova nelle ricette, iniziando dai primi piatti per finire ai dolci?

 

Come sostituire le uova: la scelta del giusto “rimpiazzo”

Come detto precedentemente, le uova sono un ingrediente versatile che trova nella nostra gastronomia una larga utilizzazione. Tuttavia, ci sono nei casi in cui le uova non possono essere mangiate, sia per scelta, come avviene per i vegani, sia per necessità, come nel caso di allergie o intolleranze.

In questi casi è necessario trovare dei “sostituti” che possano rimpiazzare le uova nella ricetta che stiamo preparando.

Diciamo subito che la scelta del sostituto dipende dal tipo di piatto che si sta cucinando, dal “ruolo” che le uova svolgono nella ricetta originale e dal numero di uova che dovrebbero essere utilizzate.

Come prima cosa, quindi, bisogna capire se le uova sono davvero necessarie o se è possibile farne a meno, per poi mettersi alla ricerca del giusto ingrediente per sostituirle.

Nel caso in cui le uova sono utilizzate per facilitare la lievitazione, vi imbatterete spesso in alcune ricette dove l’utilizzo delle uova non è poi così indispensabile; se non volete semplicemente omettere le uova, potete sostituirle con un cucchiaio di acqua per ogni uovo presente nella ricetta originale o con 3/4 cucchiai di bicarbonato o, ancora, con circa 1 cucchiaio di aceto di mele.

Un’altra strategia spesso impiegata per sostituire le uova nelle ricette per dolci è di utilizzare la farina autolievitante, aggiungendo a questa, nel caso in cui la ricetta originale preveda l’utilizzo di più di 3 uova, di un cucchiaio di sciroppo d’acero, quest’ultimo molto utilizzato nelle preparazioni vegan per preparare biscotti e base per torte.

 

Come sostituire le uova nei dolci e nelle ricette salate

Come detto precedentemente non sempre la lievitazione dipende dalle uova, il che significa che è possibile sostituirle aggiungendo 1 cucchiaio di acqua per ogni uovo presente nella ricetta. Se la ricetta prevede invece l’utilizzo di più di tre uova, allora l’acqua potrebbe non essere sufficiente. In questi casi utilizzate farina autolievitante in combinazione con sciroppo d’acero o optate per gli altri sostituti delle uova, ovvero:

  • 2 cucchiai di latte di soia e 2 cucchiai d’acqua
  • 2 cucchiai di tofu
  • 2 cucchiai di farina di ceci
  • 2 cucchiai di fecola di patate
  • 2 cucchiai di amido di mais
  • 1 banana schiacciata, ideale per favorire la lievitazione aggiungendo un tocco di delicato gusto

 

Nel caso in cui state preparando una ricetta salata, ottimi sostituti delle uova sono ad esempio il latte di soia, un preparato di acqua e malto, ideali se stiamo cucinando dei panini, mentre se stiamo preparando polpette o frittelle per sostituire le uova basterà preparare un composto a base di farina di grano, farina di soia, latte di soia, sale e baking powdser, ovvero il celebre lievito degli inglesi, una specie di polvere lievitante insapore e inodore, simile al bicarbonato ma contenente degli agenti lievitanti che ne permettono l’utilizzo praticamente in ogni ricetta.