Come spalare la neve

Spalare la neve è un compito che si rende necessario in tutte quelle città e paesi di montagna in cui il freddo si fa sentire fortemente, fino a  far fioccare la neve, creando un’ atmosfera molto suggestiva e romantica, soprattutto nel periodo di Natale. Ma se poca neve è la benvenuta, un po’ meno lo sono le vere e proprie tormente di neve, le quali rendono impossibili le normali attività quotidiane, come andare al lavoro,  a scuola ecc.., pertanto si rende indispensabile spalare via la neve, che apparentemente è un compito facile, ma in realtà non lo è in quanto può richiedere un grosso sforzo fisico e il rischio di infortuni è sempre dietro l’angolo, vediamo allora in tutta sicurezza, come spalare la neve:

per prima cosa dovrete scegliere una pala che abbia un manico piuttosto lungo, curvo e regolabile, in questo modo infatti non affaticherete troppo la colonna vertebrale, dovrà essere quindi anche piuttosto leggera e la superficie deve essere larga. In commercio è possibile trovare delle pale che rispettano l’ ergonomia. Una volta scelta la pala più adatta alle vostre esigenze vestitevi in modo pesante ed indossate i guanti, quindi cominciate a cospargere il sale  a terra, poi ungete la lama della pale con dell’ olio in modo che penetri meglio nella neve e vi agevoli nel compito, poi piegate leggermente le ginocchia e portate il petto in fuori, poi quando infilate la lama della pala nella neve quando vi risollevate non date colpi secchi con la schiena, ma risollevate le ginocchia mantenendo una postura dritta con la schiena. La pala dovrà restare vicina  al vostro corpo e quando impugnate il manico distanziate le mani dal petto per circa 15 cm. Non spalate la  neve affidandovi al caso ma seguite un criterio logico stabilito  a priori, poi considerate che essendo questo un lavoro piuttosto duro, se siete fuori allenamento, anziani o poco portati, concedetevi molte pause durante il lavoro ed idratatevi costantemente.