Come studiare musica

Cominciare a studiare la musica e avere il primo approccio con questa materia è importante essere in grado di leggere le note musicali che si scrivono sul pentagramma. Cosa non difficile se si parte dalle basi. Per imparare e studiare musica è necessario l’esercitazione continua e costante.

Cominciamo a conoscere il pentagramma e come è composto. All’inizio di ogni pentagramma troverete un simbolo molto famoso, la chiave di violino, che darà il via alle note scritte. Vi sono in tutto ben cinque righe e quattro spazi. Sulle linee partendo da sopra e andando in ordine saranno scritte le note: fa, re, si, sol, mi. Negli spazi invece, sempre partendo da sopra, saranno scritte le note mi, do la, fa. Le note sul pentagramma sono rappresentate da dei pallini vuoti o colorati all’interno. Per conoscerle bene devono essere scritte e riscritte un numero illimitato di volte. Solo quando sarete sicuri di averle imparate potrete andare avanti con lo studio sulla musica.

Oltre alle note ci sono anche i simboli molto più complessi da ricordare. In tutto ci sono ben sette simboli ciascuno rappresentante un valore che corrisponde alla durata stessa della nota. Anche questi devono essere imparati molto bene e sono con una costante esercitazione potrete ottenere dei validi risultati. Tra questi simboli troverete anche le pause, molto importanti perché se non si rispettano viene compromessa l’andamento della musica.

Oltre a porre le basi con lo studio della musica ed un primo approccio con le note e il pentagramma, è in ogni caso necessario comprare un libro di musica che insegni passo dopo passo quale approccio avere per diventare veramente bravi. Inoltre, se non si ha la possibilità di poter seguire lezioni di musica al conservatorio o presso una semplice scuola, allora è necessario seguire dei corsi on line dove gratuitamente potrete vedere la pratica di tutti i concetti che fino ad ora avete appreso.