come togliere tatuaggi

La scelta di farsi fare uno o più tatuaggi è da considerarsi irreversibile, pertanto si consiglia di affidarsi alle mani di un tatuatore solo se si è realmente convinti, in quanto, nel caso in cui dovessimo cambiare idea, anche se è possibile far rimuovere un tatoo, bisogna considerare che si tratta di un’ operazione molto drastica, costosa, dolorosa e che comunque lascia dei segni. Prima di farsi tatuare quindi, è buona norma essere totalmente sicuri e non farsi tatuare mai nulla che segua la moda del momento o dettato dall’ impeto, potreste poi un domani pentirvene. Un esempio classico di tatuaggio che molto spesso si desidera rimuovere, è il tatuaggio con il nome di un ex fidanzato, infatti, quando abbiamo deciso di farci tatuare il suo nome  eravamo molto innamorate e sicure che la nostra storia sarebbe durata per sempre, poi sfortunatamente abbiamo preso strade diverse e quel nome “inciso” sulla pelle ci infastidisce e ci ricorda costantemente il nostro ex. In casi come questo o altri, in effetti si può prendere in considerazione l’ idea di eliminare il tatuaggio, ma dobbiamo sapere che il risultato potrebbe essere deludente. Vediamo insieme llora come togliere tatuaggi:

se si tratta di un tatuaggio piccolino, potremmo prendere in considerazione l’ idea di farci eseguire una copertura, vale   a dire farci fare un’ altro tatuaggio sopra  a quello già esistente, che lo vada  a ricoprire, chiaramente il risultato, potrebbe non essere perfetto come  se si eseguisse un primo tatuaggio su una porzione di pelle “libera”. Alcune persone potrebbero anche decidere di sottoporsi ad un tatuaggio di colore bianco o comunque del colore più simile  a  quello della nostra pelle e ripassarlo sul tatuaggio che non tolleriamo più. Il risultato non sarà ottimale ma  avremo speso e sofferto poco. Se invece desideriamo risultati più professionali e definitivi, possiamo optatre per la dermoabrasione, il peeling chimico o l’ intervento con il laser, eseguiti da personale medico.