come trattare la parestesia

Stai avendo una sensazione insolita, come un intorpidimento o prurito senza nessun motivo apparente, potresti soffrire di parestesia, che è definita come una sensazione anomala nel corpo. La parestesia può influenzare qualsiasi parte del corpo, ma più comunemente si verifica nelle mani, nelle braccia, nelle gambe e nei piedi. Oltre a intorpidimento, debolezza, formicolio o sensazioni di bruciore , altri sintomi della parestesia includono dolori pungenti e problemi di mobilità. Questo problema può essere temporaneo o cronico. Un attacco temporaneo di parestesia può essere dovuto alla pressione costante sulle mani o sui piedi, all’ esposizione al freddo, alla circolazione o ad una cattiva posizione durante il sonno. La parestesia cronica ha numerose cause, tra cui la carenza di vitamine o di altre sostanze nutritive, movimenti ripetitivi, o un disturbo neurologico sottostante. Chiunque può sperimentare una parestesia temporanea. Il rischio di parestesia cronica aumenta con l’età. Mentre la parestesia temporanea si risolve normalmente senza il trattamento, può invece richiedere assistenza medica se la parestesia persiste. Ma vediamo nel dettaglio come trattare la parestesia:

 

un impacco caldo, può essere utile a  far affluire il sangue nella zona interessata e fornire sollievo immediato dai disagi. Il magnesio è un minerale essenziale per il sistema nervoso, affinchè esso possa funzionare correttamente. Inoltre assicura una corretta circolazione del sangue nel corpo. Aumentare quindi  l’assunzione di magnesio per curare la parestesia, magari assumendo integratori o attraverso l’ alimentazione. Mangiare cibi ricchi di magnesio come verdure scure, noci, semi, farina d’avena, burro di arachidi, pesci d’acqua fredda, soia, avocado, banane, cioccolato fondente e yogurt a basso contenuto di grassi. Il massaggio, con o senza olio, è anche molto utile. Aumenta la circolazione del sangue, che a sua volta diminuisce i sintomi della parestesia.